Ferpi > News > Dietro il voto americano

Dietro il voto americano

15/11/2006

L'impatto delle recenti elezioni americane su una serie di questioni calde, dai videogame violenti alla proprietà intellettuale, dall'industria petrolifera alle energie alternative, dalla ricerca sulle staminali alla questione del fumo. Tra interessi economici molto consistenti ecco i veri vincitori delle elezioni.

Secondo Wired nulla è così scontato e per ogni successo o insuccesso elettorale l'impatto sulle singole questioni è tutto da studiare. Con la riconferma di Schwarznegger ha vinto l'ambiente, anche se Terminator è repubblicano e anche se l'ecologia è argomento tradizionalmente appannaggio delle sinistre. Con la vittoria di Hillary Clinton e del trasversale Lieberman, sul fronte valori famigliari e intrattenimento violento, ha vinto il giro di vite e la filosofia dell'iper-vigilanza. Addirittura secondo il documento preparato dai due politici, il Family Entertainment Protection Act, non potranno più essere venduti videogiochi violenti ai minori di diciassette anni.
Le questioni calde non sono finite qui e punto per punto Wired ricostruisce lo scenario delle cause perse e vinte alla luce delle elezioni a stelle e strisce. Sul fronte della proprietà intellettuale vince la libertà insieme a Rick Boucher, promotore del disegno di legge (successivamente accantonato) per la legalizzazione dei servizi offerti da Mp3.com. Da sempre sogna un mercato della musica online legale.
Sul fronte della privacy invece pare che la futura gestione non sarà così differente dalla precedente: le misure di sicurezza volute da Bush, a cominciare dal Patriot Act, verranno riscritte dai democratici, ma non rivoluzionate. Schwarznegger a parte, per il clima si registra la schiacciante vittoria del fronte antipetrolifero con l'avvento dei democratici: la democratica Maria Cantwell è considerata una delle nemiche numero uno per l'industria del settore, mentre nelll'Ohio sbaraglia tutti Ted Strickland, strenuo sostenitore delle energie alternative e pulite. Infine la lobby del tabacco: i colossi delle sigarette escono ancor più massacrati dalle ultime consultazioni elettorali.
Emanuela Di Pasqua - Totem 

COMMENTI

Eventi