/media/post/vpgzus9/16092.web-design-796x512.png
Ferpi > News > Digital Anthology, il marketing è in cerca del Digital Unicorn

Digital Anthology, il marketing è in cerca del Digital Unicorn

31/05/2017

A Roma il 27 ottobre l’appuntamento con il corso "Digital Anthology. How-to- be user first!"- Una fgornata di formazione per analizzare le evoluzioni del Web Design, in cui la componente creativa si abbina sempre più frequentemente alle competenze tecniche, in modo da offrire una user experience che sia al contempo accattivante e funzionale ai processi di business delle organizzazioni.

 

Il 27 ottobre Ferpi propone il corso "Digital Anthology. How-to- be user first!". La giornata di formazione, a cura di Lapo Chirici, Web Communication Consultant e Lorenzo Ieri, CEO e Founder Pamasoft.com, si terrà a Roma e avrà come obiettivo quello di mostrare le ultimissime evoluzioni della professione del Web Designer, anche a partire da case studies aggiornati e rilevanti di illustri manager e professionisti del settore pubblico e privato.

Come realizzare un sito web gradevole e intuitivo, che assecondi i comportamenti degli utenti in rete è l’obiettivo cardine di un’azienda che assegni al digitale una posizione centrale all’interno del mix comunicativo. Per realizzare questo mix, è necessario che il marketing e la comunicazione integrino le loro competenze e aprano gli orizzonti a delle abilità che nel passato erano del tutto relegate al settore IT. Questo genera una nuova tendenza nel marketing digitale. Dice Chirici: “Indagini americane riportano che entro il 2020 le web agencies saranno popolate da queste figure "ibride", i cosiddetti digital unicorn. Sono profili che hanno saputo affiancare alle soft skills del comunicatore creativo, anche hard skills tecnologiche, e capacità analitiche tipiche del marketing nel valutare le performance.”

Questi “unicorni” così speciali rappresentano figure trasversali in grado di dialogare con tutti i comparti della filiera online, in modo da costituire un ponte tra le esigenze di business e la complessità tecnologia.

Sono comunicatori tecnologici, che prestano attenzione ai contenuti plasmandoli secondo le buone regole di SEO, che integrano la loro creatività con l’architettura attuale dell’informazione e che considerano la user experience il canovaccio su cui applicare le tecnologie lato client (html, css e javascript), i CMS (Wordpress, Joomla e Drupal in prima battuta) e le piattaforme Analytics e Adwords, fino alla dashboard di Facebook advertising. Gli strumenti di analisi devono essere sempre più intrinseci alle competenze del Web Designer, affinché possa fondare la progettazione su una base solida, costituita dalla conoscenza approfondita dei comportamenti del pubblico e degli elementi che catturano la loro attenzione, così come conoscere le tecniche e le piattaforme di posizionamento sul web è indispensabile per acquisire visibilità e restare competitivi in un mercato affollato.

Gli elementi tecnici e quelli creativi si uniscono, dunque, per creare una struttura funzionale e ingaggiante: per cui via libera ai siti responsive, che garantiscano un’esperienza di navigazione ottimale con tutti i dispositivi che oggi l’utente ha a disposizione e addio alle griglie per lasciare spazio a una struttura più libera che si moduli in base agli elementi che suscitano maggiore interesse nei confronti di chi naviga. Infine, acquistano sempre più importanza gli elementi video, i quali permettono uno storytelling da opera d’arte che integri parole, suono e immagini portando alla massima espressione l’atto narrativo del brand.

Il corso è aperto a tutti, soci e non soci.

Dà diritto al riconoscimento di 100 crediti ai soci Ferpi ai fini della qualificazione necessaria all’aggiornamento professionale interno.

Per esigenze di natura organizzativa e logistica, il corso si svolge solo al raggiungimento di un numero minimo di iscritti.

Per ulteriori informazioni e iscrizioni: casp@ferpi.it

 

COMMENTI

Eventi