/media/post/z9zfvb9/edelman-trust-barometer-2020.jpg
Ferpi > News > Edelman Trust Barometer 2020: il paradosso della fiducia

Edelman Trust Barometer 2020: il paradosso della fiducia

26/01/2020

Redazione

Viviamo in un paradosso della fiducia. Da quando abbiamo iniziato a misurare la fiducia 20 anni fa, la crescita economica ne ha favorito un aumento. Questo continua in Asia e in Medio Oriente, ma non nei mercati sviluppati, dove la disparità di reddito nazionale è ora il fattore più importante. Le paure stanno soffocando la speranza. Sono le parole con cui Richarda Edelman ha commentato i risultati 2020 del Trust Barometer. 

L’Edelman Trust Barometer 2020 rivela che, nonostante una forte economia globale e quasi la piena occupazione, la maggior parte degli intervistati in ogni mercato sviluppato non crede che tra cinque anni staranno meglio, e il 56% crede che il capitalismo nella sua forma attuale sia faccia più male che bene al mondo.

Viviamo in un paradosso della fiducia", ha affermato Richard Edelman, CEO di Edelman. “Da quando abbiamo iniziato a misurare la fiducia 20 anni fa, la crescita economica ne ha favorito un aumento. Questo continua in Asia e in Medio Oriente, ma non nei mercati sviluppati, dove la disparità di reddito nazionale è ora il fattore più importante. Le paure stanno soffocando la speranza e i presupposti sul lavoro che porta alla mobilità verso l'alto non sono più valide".

Le preoccupazioni sono ampie e profonde. La maggior parte dei dipendenti (83 per cento) a livello globale sono preoccupati per la perdita di posti di lavoro dovuta all'automazione, a una recessione incombente, alla mancanza di formazione, a una concorrenza straniera meno costosa, all'immigrazione e alla gig economy. Il cinquantasette percento degli intervistati si preoccupa di perdere il rispetto e la dignità di cui un tempo godeva nel proprio Paese. Quasi due su tre ritengono che il ritmo del cambiamento tecnologico sia troppo rapido. E non esiste una verità concordata: i 76 percento afferma di essere preoccupato per l'uso di fake news come arma.

Un numero record di Paesi sta vivendo un divario di fiducia di massa di tutti i tempi, che si sta diffondendo dai Paesi sviluppati a quelli in via di sviluppo. A livello globale, esiste un divario di 14 punti tra il pubblico informato (65) e la massa (51). Vi sono lacune a due cifre in 23 mercati, tra cui Australia (23 punti), Francia (21 punti), Arabia Saudita (21 punti), Germania (20 punti), Regno Unito (18 punti) e Spagna (17 punti).

Il business (58 per cento) è l'istituzione più affidabile, assumendo il ruolo guida nella governance globale. Le recenti decisioni della Business Roundtable di approvare un modello di stakeholder per le multinazionali americane, l'avvio di Business for Inclusive Growth incentrato su salari equi da parte delle multinazionali francesi e Business Ambition per 1,5 ° C riconoscono la più ampia responsabilità della società.

"Il business ha fatto irruzione nel vuoto lasciato dal governo populista e partigiano", ha affermato Edelman. "Non può più essere come prima, con un focus esclusivo sui rendimenti degli azionisti. Con il 73 percento dei dipendenti che afferma di voler avere l'opportunità di cambiare la società e quasi i due terzi dei consumatori che si identificano come acquirenti motivati, i CEO comprendono che il loro mandato è cambiato".

Gli amministratori delegati dovrebbero guidare il fronte. Il 92 per cento dei dipendenti afferma che gli amministratori delegati dovrebbero parlare delle questioni del giorno, tra cui la riqualificazione, l'uso etico della tecnologia e la disparità di reddito. Tre quarti della popolazione generale ritiene che gli amministratori delegati dovrebbero assumere un ruolo guida nel cambiamento invece di aspettare che il governo lo imponga.

"Le aspettative delle persone nei confronti delle istituzioni ci hanno portato a evolvere il nostro modello per misurare la fiducia", ha affermato Edelman. “La fiducia oggi è concessa su due attributi distinti: competenza (mantenere le promesse) e comportamento etico (fare la cosa giusta e lavorare per migliorare la società). Non si tratta più solo di ciò che fai, ma anche di come lo fai".

I risultati di quest'anno rivelano che nessuna delle quattro istituzioni è considerata sia competente sia etica. Il business si colloca più in alto in termini di competenza, con un enorme vantaggio di 54 punti sul governo (64 per cento contro 10 per cento). Le ONG guidano il comportamento etico nei confronti del governo (un divario di 31 punti) e delle imprese (un divario di 25 punti). Il governo è percepito come incompetente e non etico, ma ha fiducia più del doppio rispetto alle imprese per proteggere l'ambiente e colmare il divario di disparità di reddito. I media sono anche considerati incompetenti e non etici: la maggioranza (57 per cento) non crede che i media facciano un buon lavoro nel differenziare opinioni e fatti, ma li trova preziosi per la copertura delle notizie (58 per cento).

"Dopo aver monitorato 40 aziende globali nell'ultimo anno attraverso il nostro framework Edelman Trust Management, abbiamo appreso che driver etici come integrità, affidabilità e finalità guidano vicino al 76 per cento del capitale fiduciario delle imprese, mentre le competenze rappresentano solo il 24 per cento", Ha dichiarato Antoine Harary, presidente di Edelman Intelligence. “La fiducia è innegabilmente legata al fare ciò che è giusto. La battaglia per la fiducia sarà combattuta nel campo del comportamento etico".

Altre evidenze:

  • Sia le imprese che il governo possono intraprendere azioni specifiche per ottenere un punteggio di fiducia più elevato. Gli intervistati si aspettano che le imprese si concentrino sul pagamento di salari equi e sulla riqualificazione. Per il governo, le azioni comprendono la riduzione della partigianeria, la risoluzione dei problemi a livello di comunità e la collaborazione con aziende e ONG.Il governo locale/statale (54 percento) è degno di maggiore fiducia del governo centrale/federale (51 per cento).
  • Mentre il governo rimane legato ai media come istituzione meno affidabile, è anche il gruppo che è ritenuto più adatto ad affrontare le questioni relative all'assistenza sanitaria (53 per cento); disuguaglianza di reddito (51 per cento).
  • Mentre il governo rimane legato ai media come istituzione meno affidabile, è il gruppo che più è ritenuto essere adatto ad affrontare le questioni relative all'assistenza sanitaria (53 per cento); disuguaglianza di reddito (51 per cento); immigrazione (48 per cento); prodotti dannosi (42 per cento); e inclusione (41 per cento).
  • La tecnologia (75%) è rimasta il settore più affidabile, ma ha registrato il calo maggiore a livello globale in quattro punti. Numerosi mercati hanno registrato forti cali, tra cui Francia (-10 punti), Canada (-8 punti), Italia (-8 punti), Singapore (-8 punti), Russia (-8 punti) e Stati Uniti (-7 punti). E la tecnologia non è più il settore più affidabile in 9 dei 28 mercati presi in esame, tra cui Australia, Canada, Hong Kong, Italia, Russia, Irlanda, Singapore, Paesi Bassi e Regno Unito.
  • Nessuna istituzione ha una visione per il futuro in cui la maggioranza degli intervistati crede: governo (35 per cento); media (35 per cento); affari (41 per cento); ONG (45 per cento).

 

COMMENTI

Eventi