Ferpi > News > Enel tra i protagonisti del Global Compact Leader Summit

Enel tra i protagonisti del Global Compact Leader Summit

10/10/2013

La CSR è divenuta da tempo un elemento fondamentale della strategia aziendale e stakeholder ed investitori richiedono che la sostenibilità sia integrata nel modello di business. Lo ha sostenuto il presidente Enel, _Paolo Andrea Colombo,_ partecipando al _Global Compact Leaders Summit 2013,_ la più importante iniziativa mondiale sulla sostenibilità.

«Per continuare a essere leader nel mercato globale dobbiamo essere in grado di integrare la sostenibilità nel nostro modello di business, gli stakeholders chiedono questo e gli investitori sono già convinti dell’importanza di questa integrazione». A dirlo Paolo Andrea Colombo, presidente Enel, intervenendo al Global Compact Leaders Summit 2013, tenutosi a New York il 19 e 20 settembre scorsi.
Il Grand Hyatt Hotel, nel cuore di Manhattan, ha ospitato la terza edizione di questo importante appuntamento – dal titolo Architetti di un mondo migliore – che ha riunito i rappresentanti di imprese, società civili e istituzioni per definire la nuova architettura globale della sostenibilità di impresa.
L’evento è stata l’occasione per rilanciare il messaggio sull’importanza della sostenibilità a 360 gradi per il business ed Enel è stata scelta dalle Nazioni Unite per presentare l’iniziativa del Global Compact, LEAD Board program, programma dedicato alle aziende che ha l’obiettivo di fornire ai CdA approfondimenti sui temi della sostenibilità e della necessità della loro integrazione nella strategia aziendale. Il programma si propone di facilitare il dialogo sull’importanza dell’integrazione della sostenibilità nelle scelte strategiche aziendali, coinvolgendo massimi esperti internazionali come ‘Facilitatori’ del dialogo con i Consigli di Amministrazione delle aziende partecipanti.
Enel è tra le prime aziende ad aver confermato la sua partecipazione a questo programma nella sua fase pilota.
“Il ruolo dell’impresa oggi non deve limitarsi unicamente ad essere quello di promotore di crescita economica, ma anche agente di cambiamento sociale», ha sottolineato Colombo. «In Enel stiamo perseguendo modelli di business innovativi, perché crediamo che – soprattutto nel contesto sociale ed economico esistente – l’uscita dalla recessione nelle economie mature, così come la crescita nelle economie emergenti, può essere ottenuta solo attraverso un modello condiviso che include sostenibilità ed etica tra i suoi principi fondanti».
“La Corporate Social Responsibility è divenuta da tempo un elemento fondamentale della strategia aziendale” – ha affermato il presidente Colombo – “In un mondo globalizzato e per un’azienda come la nostra che agisce su scala mondiale e in un settore come quello dell’energia, con tante ricadute sulla vita quotidiana delle comunità, non perseguire una strategia duratura orientata a creare valore, non solo agli azionisti, ma a tutte le categorie di soggetti con cui interagiamo quotidianamente, sarebbe una scelta miope e di sicuro insuccesso”, ha concluso.
Alla presenza del segretario generale dell’Onu, Ban Ki-Moon, il Presidente Enel ha portato l’esperienza dell’azienda e il rinnovato impegno nell’adozione di policy, governance e strategie di business orientate alla Responsabilità sociale d’impresa. Il Gruppo Enel è membro del Global Compact Onu dal 2004 e partecipa dal 2011 al network del Global Compact LEAD, in cui partecipano le imprese riconosciute leader nella sostenibilità.
Il Global Compact, lanciato nel 2000 dalle Nazioni Unite, è l’iniziativa più partecipata al mondo sulla sostenibilità, con più di 10.000 firmatari provenienti da oltre 140 Paesi: coinvolge le imprese per allineare volontariamente le loro attività e strategie con i dieci principi universalmente accettati su diritti umani, lavoro, ambiente e anticorruzione e agire per supportare gli obiettivi Onu.

COMMENTI

Eventi