/media/post/gcc5rzv/o-MARK-facebook-796x512.jpg
Ferpi > News > Facebook è davvero globale e neutrale?

Facebook è davvero globale e neutrale?

20/11/2015

Marco Massarotto

I recenti attacchi terroristici a Parigi hanno avuto in Facebook un'enorme cassa di risonanza. Lo stesso social network non è rimasto indifferente, attivando due strumenti, il Safety Check e il filtro con la bandiera francese sulla foto profilo, che suscitato non poche polemiche sulla globalità e neutralità di Facebook stessa. L'analisi di Marco Massarotto.

Scrivo questo post in inglese, dal momento che si tratta di un dibattito multiculturale, nella speranza di raccogliere diverse opinioni e punti di vista. Vi prego di perdonare errori di battitura e un potenziale uso improprio del linguaggio. Lo scopo è quello di analizzare come i social network abbiano un forte impatto nell’aiutare i leader in situazioni critiche e abbiano anche il potere di orientare l'opinione pubblica su fatti altamente emotivi. Questo potere è dotato di una responsabilità, quella di scegliere saggiamente quando usarlo e gli strumenti che lo realizzano. Sono abbastanza sicuro che siamo di fronte ad "una prima" e che, negli headquarter di Facebook le decisioni sono probabilmente state prese in modo rapido e senza approfondimenti, tuttavia, il terrorismo e la guerra sono diversi dai disastri naturali e, una volta che si è entrati in queste situazioni, affermazioni e percezione diventano fattori chiave.

zuckerberge_paris-profile


Fatti

Beirut. Giovedi 12 novembre 2015 una serie coordinata di attacchi terroristici suicidi colpiscono il Libano , lasciando 43 morti e 200 feriti. L'attacco è stato rivendicato dall’Isis.

Parigi. Venerdì 13 novembre 2015 una serie coordinata di attacchi terroristici suicidi colpiscono la Francia, lasciando 129 morti e 300 feriti. L'attacco è stato rivendicato dall’Isis.

Azioni Facebook

Nessuna particolare reazione da parte del social network globale Facebook è stata notato dopo gli attacchi a Beirut. Nelle ore immediatamente dopo gli attacchi di Parigi, Facebook ha due azioni: una basata sull’emergenza ed un’altra con una chiara implicazione politica.

La gestione delle emergenze negli attacchi di Parigi. Uno strumento di "Safety Check", fino ad ora utilizzato solo in caso di catastrofi naturali come terremoti o tifoni, è stato attivato, permettendo alle persone della zona (Parigi) di notificare al sistema che stavano bene. Lo strumento è estremamente utile ed efficiente dal momento che ricorda e permette a tutti coloro nella zona di pericolo di informare i loro familiari e amici, aiuta la polizia e le autorità a monitorare la situazione e tranquillizza le persone. Complimenti Facebook! Perché non l'avete fatto anche a Beirut, però, dove la penetrazione di Facebook è la stessa della Francia e i tassi di utilizzo addirittura più elevati?

Attivare la "partecipazione sociale" negli attacchi di Parigi. La mattina dopo gli attacchi (che significa poche ore dopo gli attentati che si sono verificati alle 21.40),  è stato attivato e apparentemente ampiamente adottato uno strumento per personalizzare la propria immagine profilo, aggiungendo un "overlay" con i colori della bandiera francese. Le conversazioni sui social media, come è naturale, si sono concentrate in maniera massiccia sui fatti di Parigi. Soprattutto in Europa e negli Stati Uniti, ma attraverso i social le dinamiche sono state probabilmente globalizzate, dando ai fatti di Parigi uno "status globale". Questo è successo, ovviamente, per una grande reazione da parte dei media e della gente, ma certamente il "coinvolgimento emotivo", la diffusione e la partecipazione sono state aiutate dal ricordo costante generato dalle foto profilo "frenchified" di tutti i nostri contatti. Questo è meno uno strumento di emergenza e più una posizione di opinione pubblica presa dalla società: "siamo vicini ai francesi". E noi autorizziamo e attiviamo la gente a dire altrettanto. Uno strumento molto potente. Chi ha deciso di farlo per gli attacchi di Parigi? Perché non per gli attacchi di Beirut? In quali altri casi verranno utilizzate in futuro?

screenshot-2015-11-15-11-38-21


Queste diverse decisioni non sono così rilevanti "di per sé", ma di più per porre alcune domande sul processo decisionale all'interno di Facebook in materia di gestione delle catastrofi e di sostegno politico. E per quanto riguarda la percezione di Facebook in tutto il mondo.

Nel complesso l'attivazione del controllo di sicurezza da un lato e il cambiamento della foto profilo dall'altro, pur essendo di natura molto diversa (il primo, strumento di emergenza, quest'ultimo una presa di posizione) hanno avuto un effetto molto simile sull'opinione pubblica: sensibilizzare e aumentante il coinvolgimento emotivo. Grazie a queste decisioni di Facebook, gli attentati di Parigi sono stati percepiti in modo ancora più drammatico (non che essi non lo fossero) a causa di questo costante ricordo, il conteggio degli amici salvi/non salvi e la manifestazione globale di lutto e di sostegno appare in ogni istante sul nostro smartphone, anche quando stanno postando su altro. Dal momento che questo significa un potere enorme, il potere di guidare e influenzare l'opinione pubblica, si tratta di una grande responsabilità: quella di usare questo potere con saggezza, in modo trasparente e con uguaglianza. Naturalmente Facebook è una società privata, con scarsissime normative pubbliche, ma quando si tratta di influenzare e attivare le masse su temi come il terrorismo e la guerra dobbiamo chiederci se un tale potere può essere lasciato nelle mani di una società privata senza regole o criteri e senza accesso al modo in cui vengono prese queste decisioni.

È possibile che la decisione si basi su algoritmi, analizzando l'impegno sociale e abilitandolo (solo) quando raggiunge un certo livello. Sembra più "neutrale", ma è fondamentalmente un supporto progettato di "status quo", perfettamente comprensibile per una grande società di media scala, ma vale comunque la pena di soffermarsi per un’osservazione e un’analisi. In questo caso c'è un ulteriore elemento di interesse o di conflitto: il fatto che l'intera situazione si basi sulle diverse percezioni della guerra, della morte e della violenza nelle due aree del mondo: che gli attacchi su Parigi sono portati e sostenuti dall’idea di disuguaglianza e che questo tipo di violenza è un onere quotidiano in medioriente. Una situazione esplosiva in cui prendere una posizione (o peggio ancora incoraggiare e facilitare milioni di persone a farlo) è una dichiarazione da prendere con molta cautela per chi vuole essere considerato globale e neutrale. Vediamo per entrambe le decisioni più nel dettaglio le implicazioni e discutiamo le conseguenze, presenti e futuri.

Controllo di sicurezza: ha bisogno di una scelta sicura? Dato che lo strumento controllo di sicurezza è un grande servizio, tutti desiderano venga attivato in caso di necessità. Va detto che fino ad ora era stato utilizzato solo su scala globale per disastri naturali come terremoti e uragani. Usandolo per gli attacchi terroristici o atti di guerra è tanto utile quanto per eventi naturali, ma deve essere fatto, a mio modesto parere, con uguaglianza e criteri trasparenti per evitare critiche o percezione di parzialità come sta accadendo oggi in Libano, dove la gente si sta chiedendo: "perché non abbiamo potuto beneficiare di un simile strumento?” (-> New York Times - HuffPost - Un elenco completo delle domande sul perché gli attacchi libanese di Beirut non hanno potuto beneficiare del "Safety Check"  e molto altro...)

Attivazione sociale dell’immagine profilo: una decisione pubblica o privata? Si tratta di uno strumento incredibilmente potente, ed è così potente solo perché si trova all'interno di una grande piattaforma sociale come Facebook. Se qualcuno avesse creato un’app per farlo la risposta non sarebbe mai stata così veloce, vasta ed efficace. Facebook ci presenta l'opportunità, con un semplice "tap" sul nostro smartphone di trasformare la nostra immagine del profilo ed esprimere il nostro lutto, l’indignazione, la partecipazione ad una tragedia specifica: un acceleratore sociale della partecipazione senza precedenti per una causa o in una situazione di conflitto come questa.

image


La stessa tecnica era stata precedentemente utilizzata per mostrare il sostegno su Facebook alla causa LGBT. È uno strumento che richiede solo un clic per trasformare e aggiornare l’immagine profilo con un "overlay" i cui colori si connettono a una causa sociale o ad un determinato Paese, come negli eventi di oggi.

facbeook_3501242b

Basta un click (o un "tap") per trasformare la vostra immagine del profilo e mostrare la “vostra”  solidarietà a Parigi.
È stata definita come una mossa "solidale" e non c'è ragione di dubitare che sia così, ma contrariamente alla causa LGBT qui ci sono più "posizioni" dal momento che si tratta di una situazione politica molto infiammabile al confine con la guerra. Inoltre va osservato che la modifica della foto profilo su suggerimento di Facebook è chiaramente una decisione emotiva presa delle persone "accelerate", come abbiamo detto, da Facebook: una decisione presa in pochi secondi, a seguito di un evento sconvolgente, con un forte fattore di emulazione ( "Tutti i miei amici stanno facendo ... dovrei anch’io?"), con un grande impatto sia sull’opinione pubblica generale (i miliardi di persone su Facebook) e sui media, che sono sempre a caccia di view e sempre maggiore condivisione di quello che trend sui social network, pertanto gli strumenti di attivazione sociale sui social diventano strumenti indiretti per modellare anche l'agenda dei media.

Un esempio neutro e pertinente: Airbnb

screenshot-2015-11-16-22-30-47


Nella stessa saturazione un altro "gigante web" ha deciso di intervenire e modificare la sua normalità di tutti i giorni: Airbnb. Il popolare marketplace di affitti è intervenuto anche come "enabler" con una pagina dedicata ma con una stretta connessione ai bisogni delle persone (trovando un alloggio alle persone in difficoltà, come un dato di fatto si è registrata un’iniziativa spontanea su Twitter denominata #PorteOuverte in cui le persone hanno accolto coloro che non potevano tornare a casa la notte degli attacchi), con una storia di ripetizione di questo tipo di azioni in molte situazioni di disagio pubblico, senza un approccio politico e senza "prendere posizione" e contribuendo direttamente rinunciando al proprio fee.

Tutto questa situazione solleva alcune questioni per le quali non ho le risposte, ma per le quali, ritengo, le risposte debbano essere ricercate.

1. La prima domanda è: "chi decide per quali eventi tragici o per quali cause attivare strumenti di attivazione sociale?" È una decisione politica con un enorme impatto sull'opinione pubblica su scala globale. Al momento non c'è una risposta a questo, ma più Facebook diventa globale e più adotta decisioni che plasmano l'opinione pubblica, e di conseguenza la copertura mediatica, tanto più dovrebbe avere criteri decisionali, protocolli e misura trasparenti. In una risposta data ai membri International Business Times, il team dei senior di Facebook ha detto che Mark Zuckerberg stesso ha risposto su Facebook ad un commento: "Stiamo iniziando con le catastrofi naturali e poi ci espandersi a diversi tipi di problemi nel corso del tempo".

screenshot-2015-11-15-14-21-26


Nessuna menzione di procedure, norme, criteri. È un dato di fatto che sorgono altre domande.

screenshot-2015-11-15-14-23-14


Alcuni dettagli sono citati dal team di "Social Good" su Facebook sempre nell'intervista IBT, alcuni dei criteri sembrano essere: quante persone sono state colpite, anche sul social network e la durata del disastro. Un'altra spiegazione viene da questo post del team di Facebook, anche se non spiega molto circa i criteri utilizzati per l'attivazione o meno. In questo caso si potrebbe capire che Beirut non ha visto abbastanza persone coinvolte come Parigi: una capitale più grande con un traffico internazionale. Mi chiedo se questo sia solo un  criterio esplicativo o alla fine sarà coperta un’area più piccola. Queste risposte, tuttavia, non sono legate alla decisione di attivare la funzione "foto profilo", che ha conseguenze molto più politiche, affermando la posizione Facebook accanto ad una popolazione in un cosiddetto "atto di guerra" e l'attivazione di milioni di persone fare altrettanto.  E non avrebbero una risposta abbastanza buona se lo fossero, dal momento che in questo caso il numero di persone coinvolte non è un buon criterio.

2. La seconda domanda è: "quali effetti ha questa decisione?”. Poiché i millenials si informano principalmente su Facebook e la fonte di traffico più rilevante per siti di news è Facebook, in ultima analisi, ci stiamo muovendo verso un mondo in cui un’alta attivazione social potrebbe far esistere o meno un fatto specifico nell’opinione pubblica e influenzare fortemente la propria presenza sui media.

3. La terza domanda è: "cosa sarebbe successo se Facebook avesse adottato uno strumento simile per altri attacchi?” (Vale a dire: gli attacchi di Beirut o per quelli in Kenya in precedenza dove 147 studenti sono stati massacrati in un attacco del tutto simile?). Questi atti di terrorismo e la situazione in quei Paesi avrebbero una consapevolezza migliore oggi? Sarebbe stato utile a prendere decisioni per aiutare quelle popolazioni? Avrebbe potuto aiutare ad evitare l'attuale attacco? Non lo sapremo mai.

4. La quarta domanda è: "cos’è veramente Facebook o che cosa può diventare dato che ha questo potere sulla società?”. Questo rende Facebook "un supporto" (o la madre di tutti i media)? Questo rende Facebook una forza politica "in pectore"? Questo rende Facebook un ente governativo, in grado di gestire le emergenze e i flussi di popolazione nelle città o nei Paesi? Come Facebook interagirà con i governi in queste situazioni? Non c'è e non ci sarà probabilmente mai sarà una risposta a queste domande, ma è abbastanza chiaro ora che Facebook ha il controllo di leve che permettono l'esercizio di tali poteri.

5. La quinta domanda è: "la percezione di Facebook diventerà un fattore chiave per l’adozione/abbandono del social?". E in questo caso la società avrà bisogno di ancora più accesso e la trasparenza per quanto riguarda queste decisioni.

 

Fonte: Marco Massarotto

COMMENTI

Eventi