Ferpi > News > Greenpeace impara dal grande business

Greenpeace impara dal grande business

13/09/2005

Le campagne di comunicazione di Greenpeace prendono in prestito qualche idea dal grande business. Forse anche troppe secondo alcuni.

Conoscere il nemico e saper usare le sue armi per combatterlo: questo sembra essere il motto di Greenpeace, uno dei più conosciuti gruppi di tutela dell'ambiente.
Associazione ambientalista fondata in Canada nel 1971, con sede ad Amsterdam, è impegnata soprattutto contro l'uso dell'energia nucleare, per il controllo del trasporto dei rifiuti tossici, per la salvaguardia di alcune specie animali in estinzione, contro lo sfruttamento intensivo della pesca, contro l'inquinamento industriale e a favore del risparmio energetico.
Ma, contrariamente ad alcuni suoi colleghi di battaglie ideologiche, guarda alle multinazionali con interesse e cerca di carpirne i segreti. In questo interessante articolo il Financial Times descrive una Ong che ha tutta l'aria di essere un colosso del business in quanto a struttura, numero dei sostenitori, rete di relazioni e abilità nello sfruttare i media.
Sono organizzati quelli di Greenpeace, non c'è che dire: uno staff di 1.200 persone, 28 mila supporter, un sito di quelli che bucano il Web, elicotteri in volo per filmare gli incendi, attivisti in motocicletta (i cosiddetti giaguari) e soprattutto una famigliarità con i mezzi di comunicazione fondamentale per il successo delle proprie campagne.
Del resto l'associazione canadese è sempre stata avanti e già nel 1986 vantava una rete di 30 uffici sparsi per il mondo. Secondo Nuno Themudo, professore di relazioni internazionali a Pittsburgh e specialista in NGO, Greenpeace è molto "savvy" nell'utilizzo dei sistemi mediatici e se si guarda al tempo dedicato alle decisioni strategiche all'interno dell'organizzazione ci si scorda di avere a che fare con un gruppo di ambientalisti.
La filosofia è quella espressa dall'executive director, Leipold Gerd: guai alle scelte radicali fini a se stesse; la cosa più importante è inseguire il cambiamento profondo.
 Emanuela Di Pasqua - Totem

COMMENTI

Eventi