Ferpi > News > I-Pad: arriva il giornale elettronico

I-Pad: arriva il giornale elettronico

28/01/2010

Anche se non è stato presentato come tale, il nuovo i-tablet della Apple segna l’inizio di una nuova era per l’informazione online, non perché introduce qualcosa di nuovo ma perché consentirà di avere un vero e proprio giornale sempre aggiornato e sempre connesso. Una nuova sfida per le Rp.

Qualcosa di simile, che manco a farlo apposta Steve Jobs ha definito “magico”, finora lo avevamo visto solo nei film di Harry Potter.


Con l’I-Pad e con gli altri tablet che verranno, il giornale elettronico costantemente aggiornato diventa realtà. Ma con l’I-Pad sarà possibile anche navigare in Internet, fruire di contenuti in formato elettronico come e-book e fare tante altre cose.


Nelle ore successive alla presentazione si è detto di tutto e di più, tante le critiche e tanti anche coloro che sono rimasti delusi perché il tablet manca di alcune caratteristiche oggi considerate essenziali come una fotocamera e un microfono. Anche l’Ipod e l’Iphone inizialmente ne erano sprovvisti. Ma l’I-Pad è destinato a cambiare, ancora una volta, il modo di fruizione dell’informazione. Come hanno già scritto e commentato in tanti l’I-Pad della Apple non è e non ha niente di nuovo ma è piccolo, leggero e maneggevole quanto basta a diventare il nuovo gadget elettronico.


L’I-Pad di Apple, è destinato a cambiare la modalità di fare comunicazione. Questo e gli altri tablet o slate che verranno, infatti, rappresentano una nuova e importante sfida per la nostra professione. Attraverso i fogli elettronici molto più comodi e maneggevoli di un computer portatile o di uno smarphone saremo realmente “always on” e soprattutto riceveremo informazione in tempo reale.


Se è vero, come diciamo sempre, che la comunicazione non è rappresentata solo dalle relazioni con i media è anche vero che avere tra le mani un giornale elettronico rappresenta, senza dubbio, una opportunità nuova di giungere “in tempo reale” tra le mani di alcuni tra i nostri principali stakeholder o influenti che saranno i primi a dotarsene.


Qualcuno potrà obiettare che oggi tutti quelli che contano nel nostro lavoro, principali stakeholder e influenti, si tengono comunque aggiornati in tempo reale attraverso smartphone o palmari, ma volete mettere la possibilità di lettura di uno schermo di 10” e la conseguente qualità di immagini e video!


Se è vero che la nostra società è sempre più relazionale e interconnessa e va velocemente verso il “societing” teorizzato da Gianpaolo Fabris, è anche vero che l’I-Pad e gli altri tablet che vedremo e cominceremo ad utilizzare nei prossimi mesi ci obbligano ad accelerare quel processo di ripensamento della nostra professione. Tante le opportunità ma altrettanti i rischi. Come ho già scritto la sfida più grande è quella della sostenibilità del nostro lavoro e la conseguente capacità di mettere al centro la persona e la relazione con essa e non i messaggi o gli strumenti… parafrasando il titolo di un recente libro di Jaron Lanier, You are not a gadget, bisogna ricordarsi che abbiamo a che fare con persone.


La sfida che ci viene ancora una volta dalla tecnologia è un’occasione in più per andare a Stoccolma per il Wprf dove oltre 500 colleghi di tutto il mondo si ritroveranno per tracciare le linee guida delle Rp per il terzo millennio.


gp


(Clicca sull’immagine per ingrandirla.)




Questa immagine è destinata ad uso editoriale (ad esempio, notiziari o trasmissioni di informazione). Un eventuale uso commerciale richiede una liberatoria aggiuntiva. Contatta l’ufficio locale per verificare se è possibile autorizzare questa immagine.


Getty Images si riserva il diritto di procedere per vie legali contro i fruitori non autorizzati di questa immagine o clip. In caso di violazione della proprietà intellettuale di Getty Images, l’utente può essere ritenuto responsabile per: danni effettivi, perdita di profitto, profitti derivanti dall’uso delle immagini o clip e, laddove appropriato, i costi relativi alla collezione e/o i danni previsti per legge per un ammontare massimo di $150.000 (USD).


Tutti i contenuti sono © copyright 1999-2007 di Getty Images, Inc. Tutti i diritti riservati.

COMMENTI

Eventi