/media/post/8d3szcb/Uncle-Sam-invented-PR-Bernays-others.jpeg
Ferpi > News > I want you: come lo zio Sam ha contribuito a inventare le RP

I want you: come lo zio Sam ha contribuito a inventare le RP

28/09/2021

Redazione

Matthew L. Moseley, esperto di comunicazione, condivide l'affascinante e controverso retroscena di come si sono evolute le moderne relazioni pubbliche e quali tattiche di persuasione senza tempo sono ancora valide più di 100 anni dopo.

Sebbene sia durato solo un anno e mezzo, il Committee on Public Information è stata la prima macchina di propaganda ufficiale negli Stati Uniti. Il CPI ha venduto e finanziato una guerra, ha inquadrato la pandemia di influenza spagnola e ha contribuito a far nascere il campo delle moderne relazioni pubbliche.

Quando gli Stati Uniti entrarono nella prima guerra mondiale nel 1917, il presidente Woodrow Wilson istituì il CPI per plasmare l'opinione pubblica sul pericolo del militarismo tedesco e sulla necessità di una risposta globale. In sostanza, gli Stati Uniti avevano bisogno di vendere agli americani il motivo per cui avrebbe dovuto essere in guerra e di raccogliere fondi per pagarla.

Wilson collocò George Creel come primo capo del CPI. Un giornalista progressista di Denver che si è fatto le ossa al Rocky Mountain News. Creel osservò: "Le persone non vivono di solo pane: vivono principalmente di frasi fatte".

Creel ha assunto alcuni dei migliori e più brillanti di tutto il Paese - accademici, inserzionisti, giornalisti - e li ha portati a Washington per quella che sarebbe diventata la macchina di di propaganda ufficiale degli Stati Uniti.

Il CPI era organizzato in cinque divisioni. La Speaking Division ha reclutato il "Four-Minute Man" per tenere brevi discorsi presso organizzazioni civiche, come il Rotary Club. Settantacinquemila persone in tutta l'America hanno ricevuto punti di discussione e bollettini sul perché le persone avrebbero dovuto sostenere la guerra.

Continua a leggere su PR Daily.

COMMENTI

Eventi