/media/post/drevcav/15344655_5574229.jpeg
Ferpi > News > Il futuro già presente dello smartworking

Il futuro già presente dello smartworking

11/09/2021

Redazione

Quali opportunità, quali complessità, quale leadership si possono delineare per HR e manager impegnati nella gestione di smart worker e gruppi, sempre più misti, in cui le modalità di lavoro in presenza e a distanza convivono? Questo testo presenta alcune chiavi di lettura, che possono essere stimoli all’innovazione, alla luce dei risultati di monitoraggio e valutazione di alcune esperienze presentate dagli stessi protagonisti.

Fino a solo poco tempo fa, lo smart working, o lavoro agile, era un'esperienza che riguardava pochi nel nostro Paese. Allo stesso tempo, a livello internazionale, contributi autorevoli delineavano scenari di forte crescita a breve termine. Già nel 2016 il World Economic Forum lo individuava come il più potente fattore di cambiamento negli anni successivi e - in maniera quasi profetica - si riteneva che il lavoro da remoto avrebbe caratterizzato l'immediato futuro. L'anno 2020 ha decisamente accelerato questi processi, coinvolgendo anche soggetti che sarebbero forse arrivati a questo risultato in termini e tempi differenti.

Quali opportunità, quali complessità, quale leadership si possono delineare dunque per HR e manager impegnati nella gestione degli smart worker e dei gruppi, sempre più misti, in cui le modalità di lavoro in presenza e a distanza, convivono?

Questo testo presenta alcune chiavi di lettura, che possono essere stimoli all'innovazione, alla luce dei risultati di monitoraggio e valutazione di alcune esperienze presentate dagli stessi protagonisti.




Il futuro già presente dello smartworking
Strategie formative, ruoli e opportunità per il management
Paola Borz, Maura De Bon
FrancoAngeli, 2021
pp. 162, € 21,00

 



COMMENTI

Eventi