/media/post/9l3qrd9/peggy.jpeg
Ferpi > News > InspiringPR, Dialoghi sulla Fiducia. C’era bisogno di un nuovo evento online?

InspiringPR, Dialoghi sulla Fiducia. C’era bisogno di un nuovo evento online?

12/05/2021

Anna Romanin

C’era bisogno di un nuovo evento online? Sí, perché un evento così non si è mai visto. Anna Romanin prova a spiegarlo in modo semplice, individuando i tre argomenti in cui InspiringPR. Dialoghi sulla fiducia, si potrebbe riassumere.

“Logos” significa ragione, e anche parola; “dia” significa “in mezzo a” o “a mezzo a mezzo”. «Nel dialogo ci si fronteggia per capirsi, ci vuole tolleranza, disporsi, nel confronto con l'altro, a lasciarsi modificare profondamente. La verità emerge dal confronto dialogico dei pareri».

Umberto Galimberti

C’era quindi bisogno di un nuovo evento online? Sí, perché un evento così non si è mai visto. Proviamo a spiegarlo in modo semplice, individuando i tre argomenti in cui InspiringPR. Dialoghi sulla fiducia, si potrebbe riassumere. Il primo è una questione tecnica, il secondo è umano e il terzo professionale. Uniamoli con il filo  rosso della fiducia e vedremo che a tenerli insieme c’è l’unica cosa che ci fa professionisti e persone: la relazione.

1. L’argomento tecnico: la tecnologia al servizio della relazione.

La tecnologia di InspiringPR è un passo avanti perché a disposizione delle relazioni, a partire dalle “stanze virtuali di benvenuto”. Da un anno tutti stiamo cercando di capire qual è la piattaforma più performante e affidabile, in grado di tenerci tutti collegati senza scherzi, interruzioni e cattive connessioni. Ma qui è diverso. La piattaforma scelta si “avvicina al reale” perché ripropone il momento InspiringPR in cui si giocano le relazioni: nelle stanze virtuali di benvenuto si potranno conoscere o ritrovare sguardi e voci, scambiare contatti, far accendere scintille. Grazie Scai Comunicazione, esperta di eventi digitali, che hai capito subito che la tecnologia e la competenza uniti alla gentilezza, fanno l’en plein.

Le Welcome Rooms saranno aperte nella prima mezz’ora, dalle 9:30 alle 10. Una volta entrati (al massimo otto ospiti) ci si potrà “muovere” virtualmente da una all’altra. Un po’ come avviene intorno ai tavoli del coffee break nell’atrio della Scuola Grande di San Giovanni Evangelista, inondato dall’aroma del caffè del primo mattino. Chi incontreremo stavolta nelle Welcome Rooms?

2. L’argomento umano: l’esperienza del viaggio, tra relazioni ed emozioni.

Secondo punto. Metà della soddisfazione di raggiungere la meta è nell’esperienza del viaggio. InspiringPR è un evento che viaggia lentamente, che nasce un passo per volta, con mesi e mesi di gestazione, da teste e sensibilità diverse che sono quelle del gruppo di lavoro dedicato di Ferpi Triveneto e degli amici di Inspiring”. Stavolta è anche grazie all’esperienza e alla generosità del Comitato Scientifico e in particolare di Federico Favot e Massimo Bustreo che InspiringPR avrà dei panel speciali. Panel che, grazie ad Alessandro Zuin, moderatore dell’evento, saranno tenuti insieme.

Tre incontri, e tre punti di vista, ci parleranno di fiducia. Il primo con tre docenti universitari (per la prima volta InspiringPR ha il patrocinio di tre Università del Triveneto): Angelica Moè (Università Padova), Claudio Melchior (Università di Gorizia) e Mariano Diotto (Università IUSVE). Partendo da un osservatorio privilegiato, a contatto con la cultura e con centinaia e centinaia di ragazzi, i tre professori ci porteranno le loro argomentazioni. Poi sarà la volta di un gruppo di giovanissimi davvero speciali che ci racconteranno cosa stanno facendo, cosa vorrebbero fare e con quale grado di fiducia stanno andando verso il futuro. Sono Anna Macchi e Valeria Patimo, studentesse selezionate a partecipare a Prime Minister, Valeria Cagnina e Francesco Baldassarre, founder OfpassiON. Michele Schiavi 20 anni, Il più giovane sindaco d’Italia; Linda Raimondo, studentessa di Fisica e selezionata dall'ESA, l'Agenzia Spaziale Europea che l'ha portata fino alla Nasa, infine Giuseppe Bungaro, studente e Alfiere della Repubblica.
Infine, per capire come il mestiere del comunicatore abbia attraversato un anno di pandemia, e che grado di consapevolezza e fiducia abbia oggi, abbiamo messo “le relazioni pubbliche nel lettino dello psicanalista. Due professionisti dell’ambito psicologico, Christian Colautti e Massimo Bustreo, con l’aiuto dell’attore Emanuele Pasqualini della Compagnia Teatrale Pantakin da Venezia, porteranno ad InspiringPR il lavoro di analisi fatto su sei anonimi volontari di FERPI Triveneto.

3. Il motivo professionale. Stima, simpatia, affidabilità, e soprattutto qualità.

Terzo concetto. La qualità nella professione vince. Inspiring prende le distanze dai lavori troppo seri e quelli casuali; ha precisione e non pesantezza e ha l’ispirazione mai lasciata al caso. Nasce con cura, con piccole attenzioni che arricchiscono la nostra umanità: predisposizione all’ascolto, condivisione di esperienze diverse, generosità. Nel tempo abbiamo intrecciato relazioni forti come radici di pachira. In sei edizioni chi ha calcato il palco (che ha anche partecipato alle cene e agli eventi) ha mantenuto con noi buoni rapporti. Con molti di loro anche a distanza di anni il biglietto di Inspiring risulta indimenticabile: il segno che abbiamo giocato bene le carte della professionalità, al di là delle ispirazioni, e che a vincere sono le nostre doti umane, al di là dell’organizzazione. Se InspiringPR resta nella memoria è perché è professionale e tocca corde emotive.

Per spiegare quanto crediamo nella professione, con quanta fiducia guardiamo al futuro, quest’anno proponiamo una borsa di studio abbinata ad un’esperienza lavorativa prestigiosa. La nostra collega Federica Zar ha trasformato un momento di grande tristezza in un’occasione di cambiamento, che probabilmente lascerà traccia nel giovane vincitore del premio “È il digitale … bellezza!”. Se non è fiducia questa!

Quindi, in sintesi, torna InspiringPR e avrà il 29 maggio una versione online. Quel sabato mattina - ci immaginiamo - accarezzato dai tepori di fine maggio, per essere online ci vorrà una grande motivazione. Noi speriamo di avervi convinto ad essere dei nostri, in attesa di ritrovarci ad ottobre. Sarà allora che potremmo tenere lo sguardo su un altro sguardo. In fondo è proprio lì, in quei momenti di incontro e condivisione, che si attivano le relazioni e ci giochiamo la credibilità umana, al di là delle professioni.

COMMENTI

Eventi