Ferpi > News > Laurea ad honorem per tutti?

Laurea ad honorem per tutti?

07/06/2005

Un commento (e una domanda) di Chiara Bressani sull'utilizzo di questo riconoscimento accademico.

Gentilissimi, Mi piacerebbe avere una vostra opinione su quanto è avvenuto, a distanza di poco tempo, nel campo delle Lauree ad honorem in comunicazione. Sono certa che il riconoscimento sia uno strumento di comunicazione e un simbolo che possa essere efficacemente utilizzato per più scopi. Vasco e Valentino Rossi, entrambi insigniti di tale laurea da differenti atenei, hanno certamente una grande visibilità e un potere catalizzante nei confronti di diversi pubblici. Tuttavia, mi chiedo se il conferimento di tali riconoscimenti in comunicazione non stia diventando un trend, rischiando, forse, di "diluire" nell'opinione pubblica il valore di questo corso di laurea, già spesso, purtroppo, considerato di "serie B" rispetto ad altri corsi di laurea? La mia non vuole essere una critica, ma uno spunto di approfondimento sul tema con voi per poter condividere insieme diversi punti di vista, se ritenete possa essere interessante.Grazie per l'attenzione e cordiali saluti,Chiara BressaniCorporate Communications - Gruppo CampariTel. +39 02 6225206http://www.campari.com/ita/press/

COMMENTI

Eventi