/media/post/cup4g3t/calabro.png
Ferpi > News > Le imprese italiane e la sostenibilità nell'era del Covid-19: una sfida competitiva

Le imprese italiane e la sostenibilità nell'era del Covid-19: una sfida competitiva

14/05/2020

Redazione

Siamo entrati in una nuova dimensione storica, le imprese per prime sono state colpite prima dall'arresto forzato e oggi da una ripartenza difficile. Rimane però la consapevolezza che le aziende sono attori sociali con un forte senso di responsabilità verso le comunità in cui vivono. Da questa prospettiva muove la riflessione di Antonio Calabrò, Vice Presidente di Assolombarda e Direttore Fondazione Pirelli, in programma venerdì 22 maggio nell'ambito della Formazione Connessa di Ferpi.  

Le imprese come luoghi essenziali di lavoro, socialità, inclusione. Siamo entrati in una nuova dimensione storica, la pandemia ha costretto tutte le economie mondiali a rivedere i propri programmi di sviluppo, le imprese per prime sono state colpite prima dall'arresto forzato, il lockdown, oggi da una ripartenza segnata da protocolli di sicurezza stringenti, da modelli produttivi improvvisamente rivisti, da incertezze di una ripresa che è difficile da decifrare. Rimane però la consapevolezza che le aziende sono attori sociali con un forte senso di responsabilità verso le comunità in cui vivono. E dunque si muovono coerentemente con la cultura che le ispira: competitività ma anche solidarietà. Nelle radici sociali sta la legittimità di una cultura d’impresa che, in Italia più che altrove in Europa, ha imparato a legare la competitività con la sostenibilità ambientale e sociale, la bellezza e i saperi umanistici con le conoscenze scientifiche. La memoria con l’innovazione. Nascono da qui l’economia circolare, l’attenzione per le persone e la loro intraprendenza, la qualità di prodotti di successo nelle nicchie ad alto valore aggiunto sui mercati globali, per meccatronica e automotive, chimica e farmaceutica, design, alimentare e abbigliamento. Il miglior Made in Italy. Oggi in difficoltà. Ma pronto a rimettersi in moto, profondamente modificato, nelle supply chain del mondo. 

Da questa illuminata prospettiva partirà una riflessione che Antonio Calabrò, Vice Presidente di Assolombarda e Direttore Fondazione Pirelli, condividerà con tutti i colleghi Ferpi venerdì 22 maggio alle 12.45 nell'ambito di un nuovo evento formativo promosso da Casp di Ferpi nel programma di Formazione Connessa. 

Per info e iscrizioni, clicca su Formazione Connessa oppure per maggiori dettagli casp@ferpi.it
 
Webinar da 25 crediti

Per info e iscrizioni, clicca su Formazione Connessa oppure per maggiori dettagli casp@ferpi.it




Antonio Calabrò (1950) è direttore della Fondazione Pirelli, vicepresidente di Assolombarda, Presidente di Museimpresa, Presidente de Il Cittadino e membro dei board di numerose istituzioni e società (Università Milano Bicocca, Nomisma, Touring Club, Orchestra Verdi, Centro per la cultura d’impresa, UniCredit Lombardia, Fondazione Unipolis, ecc). Giornalista e scrittore, ha lavorato a L’Ora, Il Mondo, la Repubblica, è stato direttore editoriale del gruppo Il Sole24Ore e ha diretto La Lettera finanziaria e l’agenzia di stampa ApCom. Tra i suoi ultimi libri, “Orgoglio industriale”, “Cuore di cactus”, “La morale del tornio”, “I mille morti di Palermo”, “L’Impresa riformista”. Insegna all’Università Cattolica di Milano.

COMMENTI

Eventi