Ferpi > News > Linkiesta

Linkiesta

03/02/2011

On line da pochi giorni _Linkiesta_ è un nuovo quotidiano di approfondimento sui temi di attualità politica, economica, sociale. Nato dall'incontro tra un gruppo di professionisti, manager, imprenditori e alcuni giornalisti è un progetto editoriale innovativo che cerca di raccontare il nostro Paese in un'ottica diversa, svincolata da poteri e aperto al contributo dei lettori.

Nasce Linkiesta, una nuova testata digitale vuole scandagliare la stato di salute dell’Italia e delle sue interazioni con il mondo: economia, finanza, ma anche fenomeni sociali e tendenze.
Il piacere di informarsi è il pay-off del video che sta girando in rete da diversi giorni con migliaia di visualizzazioni e che utilizzando l’ironia presenta la nuova testata. “Linkiesta.it è pensata per tutti coloro che sentono il bisogno di un’informazione più approfondita e meno frammentaria – dichiara il neodirettore Jacopo Tondelli – all’estero ci sono realtà che hanno generato o intercettato prima di noi la nuova era della comunicazione”.
Con una redazione a Milano ed una a Roma, la redazione è composta da 13 giornalisti e un network di circa 20 collaboratori e corrispondenti in Italia e all’estero. Dal punto di vista editoriale la sfida è difficile ed ambiziosa: fare un giornale digitale di approfondimenti e inchieste su temi sociali, politici ed economici. Linkiesta nasce, insomma, per cercare di analizzare i fatti e raccontarli mettendoli in prospettiva, senza schierarsi in modo preconcetto o ideologico.
Linkiesta.it vuole andare, però, oltre al perimetro attuale dei propri giornalisti ed essere un progetto innovativo, promuovendo la crescita del citizen journalism, del giornalismo on-demand e dei social media, dando spazio una nuova generazione di commentatori, provenienti dalle associazioni, dall’università, dalla scuola e dalle professioni che oggi, purtroppo, non hanno spazio sulla stampa tradizionale.
Il sito nei primi mesi sarà gratuito ma n seguito il modello sarà quello freemium, basato su pubblicità e abbonamenti, con un canone che prevederà fasce di prezzo differenziate per “categorie” sociali, favorendo studenti e pensionanti.

COMMENTI

Eventi