/media/post/df4hbu5/FeedbackPopov-796x512.jpg
Ferpi > News > Lo stakeholder engagement, strumento di condivisione

Lo stakeholder engagement, strumento di condivisione

12/07/2018

rossella12

Lo stakeholder engagement è uno strumento in più per le organizzazioni che credono nella condivisione, in cui l’impresa si mette in discussione e rompe il muro dell’autoreferenzialità. Un’occasione anche per cambiare punto di vista mettendo a fuoco problemi mai considerati prima. Un’opportunità per aprirsi all’intelligenza collettiva. Ne parla Rossella Sobrero nella sua rubrica #ValoreCondiviso.

Le organizzazioni che credono nella condivisione hanno oggi uno strumento in più rispetto al passato: lo stakeholder engagement. Se fino a ieri il coinvolgimento dei portatori di interesse serviva principalmente a ridurre il rischio, il graduale processo di apertura scelto da molte organizzazioni sta modificando la finalità dello strumento: cresce infatti la consapevolezza che lo stakeholder engagement può aiutare le parti coinvolte a risolvere problemi e ottenere risultati che nessuno da solo avrebbe potuto raggiungere.

Lo stakeholder engagement permette anche di informare, educare ed influenzare i portatori di interessi e l’ambiente esterno affinché migliorino i loro processi decisionali e le azioni che hanno un impatto sull’impresa e sulla società. Solo attraverso il confronto è possibile capire le aspettative dei diversi stakeholder per prepararsi a rispondere al meglio ai loro bisogni.

È cresciuta la consapevolezza che l’ingaggio dei portatori di interesse può essere utile anche per l’innovazione di prodotto e processo e, più in generale, può rendere più sostenibili alcune decisioni strategiche.

Uno strumento di confronto in cui l’impresa si mette in discussione e rompe il muro dell’autoreferenzialità. Un’occasione anche per cambiare punto di vista mettendo a fuoco problemi mai considerati prima. Un’opportunità per aprirsi all’intelligenza collettiva, permettendo a competenze e conoscenze diffuse di contribuire al rafforzamento dei piani di sviluppo dell’organizzazione. Un passo avanti che privilegia la logica della collaborazione rispetto a quella della contrapposizione.

COMMENTI

Eventi