Ferpi > News > MARPI: la forza della partnership

MARPI: la forza della partnership

19/12/2013

Nato nel 2003 da un progetto dell’Università IULM in collaborazione con Ferpi e Assorel, l’ _Executive Master in RP d’Impresa_ si è affermato fino a diventare un must per il bagaglio professionale dei comunicatori. Dal prossimo anno, la partnership con le imprese, suo tradizionale punto di forza, comprende un’offerta molto più ampia. Ne abbiamo parlato con _Emanuele Invernizzi,_ direttore del MARPI.

Cominciamo a vedere come è cambiato il Master in questi anni, dall’edizione dell’ormai lontano 2003 alla prossima edizione del 2014.
Apparentemente poco, di fatto moltissimo. Certamente non è cambiato il numero dei moduli né l’ampiezza delle competenze, da quelle di base a quelle specialistiche, che si vogliono sviluppare durante il percorso formativo; così come non sono cambiate le formule vincenti del venerdì e sabato, che consente a chi lavora di partecipare, né il formato di tutti i moduli, molto apprezzato, che prevede tre contenuti: concetti e metodi applicativi, testimonianze aziendali e un’esercitazione finale, durante la quale viene messo in pratica ciò che si è appreso e discusso in precedenza. Così come non è cambiata l’attenzione al cambiamento.
Invece, ciò che è cambiato molto, come si può vedere nel video di presentazione, è il contenuto dei moduli: ne sono stati introdotti di nuovi, come quello sui Social media, sulla Misurazione dei risultati della comunicazione e sullo Storytelling. I moduli più consolidati hanno mantenuto la stessa etichetta ma sono profondamente cambiati con l’introduzione dell’uso dei social media accanto agli strumenti più tradizionali. Inoltre i project work, che rappresentano il lavoro conclusivo dei partecipanti, sono cambiati in quanto vengono prodotti per essere inseriti in un volume edito da Franco Angeli. Così facendo tutti i partecipanti si impegnano molto di più nel loro lavoro e ne traggono il beneficio di una notevole visibilità, utile per il loro percorso di crescita professionale.
Ormai tutta la formazione per le RP sembra essere orientata quasi esclusivamente ai social media e alle Digital PR. E voi?
In ogni modulo abbiamo inserito le novità portate dai social media ma, attenzione: i social media non possono che rappresentare una parte di una strategia di comunicazione che deve essere fortemente integrata con, e certamente non sostitutiva, dell’attività tradizionale. Noi puntiamo molto sulla competenza strategica di gestione integrata di social media e digital PR con gli strumenti tradizionali: questa rappresenta la vera scommessa del professionista!
La partnership con le imprese ha rappresentato fin dall’inizio un punto di forza del MARPI perché vi ha garantito da un lato un’adeguata rete di relazioni e, dall’altro, quella vicinanza al mondo produttivo utile per collegare la preparazione professionale ai problemi e agli interessi delle imprese. Anche questo è cambiato?
Non c’è dubbio che la partnership con le imprese, con le agenzie internazionali e con le associazioni professionali Ferpi e Assorel abbia rappresentato un punto di forza per l’evoluzione del MARPI. Le più importanti decisioni sul programma del master sono state condivise, e qualche volta suggerite, dai partner che hanno svolto un ruolo molto attivo. Così come sono sempre state molto importanti, al fine di collegare teoria e pratica, le testimonianze che i partner hanno reso nei diversi moduli.
Le relazioni con i partner sono così importanti per noi che dall’anno prossimo abbiamo messo a punto un nuovo sistema di offerta di partnership che comprende quattro aree. La prima area (Education) affianca alla partecipazione al percorso Executive Master, quello di tre corsi della durata di una giornata (Online Public Speaking, Scrittura per il web e Misurazione dei risultati della comunicazione). La seconda area (Innovation) prevede la partecipazione a due seminari, uno sui risultati della ricerca dell’Osservatorio IULM-Ketchum e l’altro sui trend della misurazione dei risultati della comunicazione oltre a cinque webinar su Mobile PR, Digital Communication, Storytelling, Internal Stakeholder engagement e ROI della Reputatione e della comunicazione. La terza area (Networking) prevede la partecipazione a due eventi, lo Storytelling Forum e il Summit sui direttori della comunicazione; inoltre la possibilità di presentare il proprio caso aziendale a convegni nazionali e internazionali o in un modulo del MARPI o in un corso della laurea triennale. La quarta area (Talent) comprende la possibilità di crowdsourcing universitario su progetti operativi di comunicazione lanciati dalle imprese, di tesi di ricerca su argomenti di interesse aziendale e la preselezione dei migliori profili per stage presso le aziende partner.
Davvero un bel pacchetto di iniziative e di opportunità per le imprese partner che tuttavia faranno fatica, in un momento di crisi, a incrementare il loro contributo economico…
Questo è un punto per noi molto importante. La mission del MARPI affianca all’obiettivo formativo quello di stimolare un atteggiamento proattivo e imprenditivo nei partecipanti. A questo fine, vogliamo e dobbiamo dare il buon esempio. Proprio perché stiamo attraversando un periodo di crisi abbiamo ampliato i contenuti della partnership ma il costo rimane invariato, al livello del costo di iscrizione al Master. Questo è il nostro modesto, ma concreto, contributo che siamo certi verrà colto e apprezzato.

COMMENTI

Eventi