Ferpi > News > Meno CO2 nell'aria più incidenti mortali

Meno CO2 nell'aria più incidenti mortali

06/09/2004

Campagna fuorviante di Strat@comm sugli effetti della riduzione di emissioni di anidride carbonica nell'aria

La notizia di per sè è notevole e paradossale, i retroscena abbastanza inquietanti. Notizia: la Sport Utility Vehicle (SUV) Owners of America, associazione che riunisce i possessori dei comodi macchinoni che vanno di gran moda negli States e stanno prendendo piede anche in Europa, ha iniziato una campagna per contrastare la legislazione per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica che lo stato della California si appresta a ratificare il 23 settembre prossimo. La tesi della campagna è che riducendo l'emissione di CO2 si costringono i produttori di automobili a ridurre le dimensioni (chissà perchè le dimensioni e non la potenza) dei veicoli a discapito della sicurezza dei passeggeri. In sintesi, non chi scrive ma chi ha realizzato l'advertisement, ridurre l'emissione di CO2 comporterà un maggior numero di incidenti mortali...Al di là della facile ironia cui si presta l'argomentazione assolutamente paradossale (se non posseggo un SUV ma un'utilitaria e ho un incidente contro un SUV ne esco piuttosto malconcio...), c'è da riflettere su simili esempi di comunicazione. Leggere qui  le altre deliranti argomentazioni collaterali a sostegno della tesi esposta.Retroscena: la campagna della SUV Owners of America è mirata a creare e promuovere un movimento d'opinione "dal basso", mentre a ideare il tutto (non solo la campagna ma anche la stessa SUV Owners of America) è stata l'agenzia di relazioni pubbliche Stratacomm, che fa azioni di lobby principalmente per l'industria dell'auto oltreché per alcolici e industria tecnologica. In un articolo apparso sul LATimes il caso è riportato come un classico esempio di Astroturf, ovvero di un falso movimento di opinione dal basso.
Gabriele De Palma - Totem

COMMENTI

Eventi