Ferpi > News > Microsoft investe sull'advertising nei videogiochi

Microsoft investe sull'advertising nei videogiochi

03/05/2006

A partire dall'ultima mossa di Microsoft, ecco nuove dinamiche forme di advertisement, specie per quanto riguarda media non tradizionali come i videogame.

In questi giorni è in atto la trattativa per l'acquisto da parte di Microsoft Corp. della Massive Inc., una giovane impresa con 80 impiegati che si occupa di inserire pubblicità nei videogame. Il mercato dell'advertising attraverso media alternativi è in forte crescita e lo dimostra l'interesse di Microsoft per questa piccola società, che pure ha già grandi clienti come Coca-Cola, Honda Motor, etc. Negli ultimi tempi anche altre major del settore media hanno incrementato i loro investimenti nell'advertising legato ai videogiochi: Viacom Inc. per esempio ha sborsato 102 millioni di dollari per Xfire Inc., fornitore di un servizio di instant messaging destinato ai giocatori; News Corp. ha pagato  ben 650 millioni per acquisire la IGN Entertainment Inc., che gestisce una serie di siti per fanatici del gioco.
Fino a qualche tempo fa gli "spazi pubblicitari" all'interno dei videogiochi venivano venduti in modo tradizionale: una casa di automobili pagava il produttore del videogioco e la sua macchina veniva inserita nello scenario in modo permanente. Adesso, con la possibilità per gli utenti di collegarsi a internet per giocare, le aziende hanno più opportunità di inserire i loro marchi e slogan, e soprattutto possono aggiornarli sfruttando le tecniche di marketing.Per esempio, in occasione dell'uscita di un film, vengono inseriti degli avvisi promozionali limitati a un determinato periodo di tempo. Oppure le pubblicità vengono adattate al Paese in cui ci si trova l'utente, etc. In alcuni giochi ambientati nel passato o nel futuro l'inserimento di elementi pubblicitari è più difficile, ma i programmatori assicurano che cercheranno di rispettare la massima coerenza possibile con i contenuti e la trama. Inoltre è previsto lo sviluppo di tante ulteriori possibilità per la nuova generazione di consolle da gioco collegabili alla rete, che consentono l'interazione con altri utenti via internet e danno la possibilità di scaricare accessori specifici per il gioco, etc.
Si tratta di una nuova fonte di profitto in forte espansione da cui guadagneranno programmatori, produttori di videogame e sponsor. Nello scorso anno gli sponsor hanno investito circa 56 milioni di dollari nel settore, contro i 36 milioni dell'anno precedente, e una ricerca firmata dallo Yankee Group di Boston prevede il raggiungimento dei 700 milioni annui entro il 2010.
La mossa di Microsoft fa parte di una lotta ben più estesa contro il dominio di Google Inc. nel mercato del brokering online. Microsoft spera, tramite i videogiochi, di acquisire il controllo di una larga porzione dell'advertising online, pur sapendo che si tratta di un investimento a lungo termine, viste le previsioni di evoluzione di questo mercato appena nato.
Valentina Tubino - Totem

COMMENTI

Eventi