/media/post/v7beut8/eventi-down.jpg
Ferpi > News > Preoccupazioni, certamente, ma anche proposte

Preoccupazioni, certamente, ma anche proposte

28/10/2020

Rossella Sobrero

Non più misure tampone ma una precisa progettualità che parta dal riordino dei Codici ATECO per meglio individuare, regolare e valorizzare le attività della comunicazione, asset strategico per la ripresa del Paese: questa la richiesta emersa dal sondaggio inviato nei giorni scorsi ai soci sul tema delle esigenze emerse dalla crisi.

Il sondaggio realizzato nei giorni scorsi ha confermato quanto ci aspettavamo: la situazione di emergenza sanitaria ed economica ha creato e sta creando molte difficoltà a chi opera nel mondo della comunicazione. A soffrire di più tra i soci FERPI sono i colleghi che si occupano di eventi, il settore che ha avuto le ricadute negative più significative anche a seguito dei diversi provvedimenti legislativi. Oltre il 22% dei partecipanti al sondaggio (hanno risposto oltre 100 soci) ha dichiarato che il fatturato 2020 registrerà perdite di oltre il 50% rispetto l’anno precedente.

Molte le voci che chiedono di intervenire perché il Governo confermi i finanziamenti a fondo perduto per il settore della comunicazione (in particolare per quello degli eventi) e per il ripristino del bonus per i professionisti. Ma numerosi soci hanno chiesto di andare oltre: non più misure tampone ma una precisa progettualità che parta dal riordino dei Codici ATECO per meglio individuare, regolare e valorizzare le attività della comunicazione, asset strategico per la ripresa del Paese.

I prossimi passi sono la preparazione di un position paper con le nostre proposte sull’argomento e il confronto con le altre associazioni del settore. Rimbocchiamoci le maniche…

COMMENTI

Eventi