Ferpi > News > Pubblicità online sempre più in alto

Pubblicità online sempre più in alto

12/12/2007

Malgrado le incertezze economiche il mercato pubblicitario su internet non rallenterà nel 2008. I dati di alcune società del settore sono all'insegna dell'ottimismo. Cambieranno anche i Paesi leader.

Secondo un recente studio infatti l'online advertising è un mercato ancora in espansione e il tasso di crescita previsto è del 50 per cento, per sfiorare, entro l'anno prossimo, un indotto economico di 13 miliardi di dollari. Nel suo report "2008 Outlook: Local Online Advertising", la firmBorrell Associates sostiene che l'esplosione di questo settore dell'industria sta lievitando al di là delle più rosee aspettative.
Il Ceo della società, Gordon Borrell, dichiara: "It's erupting again (E' ancora in esplosione)", specificando che le aspettative erano di un aumento del solo 20-25 per cento. La rivoluzione vera non è solo nei numeri ma anche nel cambiamento degli interlocutori: ormai chiunque può avere aspettative dall'advertising online. In realtà la prospettiva di editori e televisioni è molto più pessimista, o se non altro prudente. Lo sboom della new economy e le difficoltà per molte star up nel trovare un modello di business vincente pesano come un macigno nell'atteggiamento cauto dei media, eppur qualcosa si sta muovendo e gli analisti emettono verdetti più che ottimisti.
Come si concilino le previsioni degli esperti con la situazione economica di stallo dell'economia mondiale è tutto da vedere. In ogni caso nonostante gli Stati Uniti siano ancora il mercato pubblicitario più consistente del mondo, l‘advertising a stelle e strisce sta perdendo terreno a favore delle economie emergenti, come la Cina e la Russia, l‘India e il Brasile, da cui secondo le fonti più accreditate proverrà entro il prossimo anno il 21 per cento della spesa pubblicitaria. Ed entro il 2010 i Paesi emergenti contribuiranno all‘advertising con una cifra di 49,5 miliardi di dollari, contro i 37,5 miliardi di dollari dell‘America e dell‘Europa occidentale.
In tutto questo Internet avrà un peso sulla pubblicità globale del 10 per cento entro il 2008, con nazioni in cui già ora la pubblicità sul web tocca cifre consistenti, come la Gran Bretagna.
Redazione Totem - Emanuela Di Pasqua
 

COMMENTI

Eventi