Ferpi > News > Rp: il ruolo della professione per lo sviluppo sociale

Rp: il ruolo della professione per lo sviluppo sociale

19/11/2014

Anne Gregory

“Abbiamo il dovere di guardare al di là del mero interesse delle nostre organizzazioni e chiederci se quello che stiamo facendo sta contribuendo a costruire una società migliore nel suo complesso”: lo asserisce il Presidente di Global Alliance, Anne Gregory, sottolineando il ruolo chiave delle Rp per la crescita sociale.

Sin dal World Public Relations Forum di Madrid, in cui la a leadership nelle Relazioni pubbliche è stato il tema principale, mi viene chiesto costantemente cosa significhi davvero la leadership nella nostra professione. In risposta ho sviluppato le 4P della leadership nelle Rp che ho condiviso su PR Conversations.
Le conversazioni sulle 4P mi hanno portato a pensare più attentamente alla prima, Purpose. Leadership significa molto che essere a capo di più di una divisione Relazioni pubbliche o essere competenti nel proprio lavoro, anche se questo rappresenta la base per ottenere rispetto. La leadership, nel nostro ambito, implica essere consapevoli di ciò che significa “essere una professione”. Le professioni hanno determinate caratteristiche, ad esempio, il proprio bagaglio di conoscenze ed alcune competenze che richiedono una formazione specifica, ma quello che attira la mia attenzione è che hanno un obbligo specifico nei confronti della società.
In poche parole, hanno la responsabilità di contribuire a migliorare la società. E che in cambio ricevano della società. Nel caso dei medici e degli avvocati, il contratto sociale è evidente. Ma che cosa significa questo per noi? Per me il dovere sociale che abbiamo è di costruire una comunità migliore attraverso la comunicazione. In pratica questo significa che, come professionisti, abbiamo il dovere di guardare al di là del mero interesse delle nostre organizzazioni e chiederci se quello che stiamo facendo sta contribuendo a costruire una società migliore nel suo complesso.
Per fare ciò dobbiamo avere una profonda comprensione di quello che realmente importante, che aggiunge valore e migliora la condizione umana. E questo va ben oltre il valore economico e ben al di là dei programmi di CSR. La leadership che portiamo con questo punto di vista professionale ci pone al centro della governance organizzativa perché ci costringe a chiederci se le azioni e le decisioni dei capi saranno considerate legittime. Vi è, a volte, una grande differenza tra ciò che conta e ciò che viene considerato e a noi deve interessare ciò che conta.
Questo ci conduce al centro della questione. Per costruire una comunità migliore nel lungo termine dovremmo essere preoccupati non solo delle interazioni quotidiane con gli stakeholder ma anche dei grandi temi che il nostro mondo si trova ad affrontare e, sì, dovremmo chiederci cosa possiamo fare in proposito. Perché? Perché le Relazioni pubbliche riguardano le relazioni: l’interconnessione di persone e questioni e gli effetti di queste interconnessioni. Questi problemi e relazioni esistono nella società e proprio perché tutti insieme costituiamo la società, sono anche giocati nei rapporti tra le organizzazioni per cui lavoriamo e la società. Questa è roba tosta perché significa che dobbiamo avere conversazioni difficili sia all’interno che all’esterno delle organizzazioni in cui il risultato finale potrebbe essere accordo e collaborazione ma anche disaccordo e confronto. Per una professione in cui gli interessi della società nel suo insieme hanno la precedenza questo richiede una visione a lungo termine e significative conoscenze di base.
È questo legame tra le organizzazioni e la società che ci dà l’opportunità di essere leader nei luoghi in cui lavoriamo. In questa era della responsabilità e della trasparenza, le organizzazioni hanno bisogno di persone legate ai grandi temi, in grado di interpretare il mondo esterno e di estrarre dall’analisi le questioni che contano veramente e le implicazioni per le decisioni che l’organizzazione prende e le relazioni che ha.
Quindi, cosa sta facendo Global Alliance per trasformare questa teoria in pratica? Due cose immediate. In primo luogo, stiamo lavorando con la Public Relations Society del Kenya sulla nostra prima conferenza mondiale. Sarà sul ruolo delle Rp nelle economie emergenti. Correlate a questo tema ci sono tutta una serie di temi come la comunicazione della salute, le disparità, le disuguaglianze che possono derivare da un rapido sviluppo, l’urbanizzazione e così via. È esattamente il tipo di valore di cui una vera professione dovrebbe occuparsi.
In secondo luogo, Global Alliance sta parlando con una serie di associazioni professionali e di Paesi in tutto il mondo che stanno riconoscendo come le Rp vanno di pari passo con la costruzione e lo sviluppo di una nazione: un problema enorme in questi paesi. Queste associazioni e nazioni sono sottorappresentate nei forum internazionali sulla nostra professione e abbiamo bisogno di ascoltare e imparare da loro, perché sono questi i Paesi che condurranno il mondo in futuro. I nostri colleghi in queste nazioni hanno bisogno di noi per aiutarli a costruire una professione forte e si spera possano così evitare alcuni degli errori che le Rp hanno commesso in Occidente dove la nostra ossessione per le tattiche, piuttosto che per lo scopo finale, ha frenato il progresso.
Il Presidente Incaricato, Gregor Halff, è stato in India questa settimana a discutere con i leader locali della professione delle molte opportunità che le Rp hanno in Asia di fare la differenza. Grazie alla Public Relations Society of India per averci fornito un’importante opportunità. Discussioni simili sono in corso in America Latina e in Africa. Possiamo sostenere di essere una professione in crescita, circa il 12% l’anno, ora dobbiamo intensificare lo sforzo e garantire di essere leader. Costruire comunità che funzionano è una vocazione e richiede leader coraggiosi, professionalità e competenti che conoscono e comprendono il potere delle Relazioni pubbliche.
Fonte: Global Alliance

COMMENTI

Eventi