/media/post/trpzauh/Facebook_Shemeansbusiness.jpeg
Ferpi > News > #SheMeansBusiness per sostenere l'imprenditoria femminile

#SheMeansBusiness per sostenere l'imprenditoria femminile

12/11/2018

Redazione

Obiettivo del progetto è fornire formazione sulle competenze digitali, entro la fine del 2019, ad oltre 2.000 donne del Mezzogiorno, che si aggiungono alle oltre 4.000 già formate nell'ultimo anno in tutta Italia.

Facebook Italia, in collaborazione con Fondazione Mondo Digitale, lancia la seconda edizione di #SheMeansBusiness, con focus sul Centro e Sud Italia.

#SheMeansBusiness è il progetto globale di Facebook nato per aiutare le donne che fanno impresa a far crescere il proprio business e per ispirare tutte coloro che sognano di avviare un'attività imprenditoriale, fornendo loro gli strumenti, la formazione e gli esempi necessari per realizzare il proprio obiettivo.

Lo scopo di questa edizione è fornire, entro la fine del 2019, le competenze digitali - con particolare focus sugli strumenti offerti da Facebook e Instagram - a oltre 2.000 donne del Mezzogiorno che fanno o vogliono fare impresa.

Il progetto #SheMeansBusiness - che con la prima edizione italiana, lanciata a novembre 2017, ha portato alla formazione di oltre 4.000 donne in Italia in meno di un anno - testimonia l'impegno di Facebook a sostegno della crescita economica e culturale del Paese, una crescita che non può più prescindere da un'imprenditoria femminile con un ruolo da protagonista. Secondo un'analisi del Censis, infatti, una riduzione del 25% del divario di genere nel mercato del lavoro in Italia entro il 2025 sarebbe in grado di produrre un aumento stimato del PIL di circa il 2%, ovvero circa 34 miliardi di euro.

In un Paese in cui il tasso di occupazione degli uomini è superiore a quello delle donne del 18,8% (contro il 12,7% della media europea), il sostegno alle imprese con una leadership femminile è quanto mai prioritario. Un divario che si accentua nel Sud Italia, dove Eurostat ha rilevato un tasso di occupazione femminile che si aggira attorno al 30%, la metà della media europea, con un picco negativo in Sicilia, dove si attesta al 29,2%.

“In questo scenario, abbiamo però dei dati positivi. Secondo l'indagine Future of Business Survey commissionata da Facebook, il 39% delle PMI con una pagina Facebook è di proprietà di una donna, a dimostrazione che sono molte le donne italiane con un'idea imprenditoriale. Inoltre, l'ultimo studio di Unioncamere sull'imprenditoria femminile dice che, nel Sud, un'impresa su 4 è donna. Nel Mezzogiorno, infatti, il tasso di aziende guidate da donne raggiunge quasi il 24%, circa due punti percentuali in più rispetto al dato nazionale” - commenta Laura Bononcini, Head of Public Policy Facebook Italia. “Questa spinta all'imprenditoria femminile dimostrata dalle regioni meridionali ci motiva ancora di più nel sostenere le donne che fanno impresa o che aspirano ad aprire una propria attività. Con il progetto #SheMeansBusiness, che nel 2019 si focalizzerà proprio sulle regioni del Centro e Sud Italia, ci impegniamo a fornire alle donne imprenditrici gli strumenti e la formazione di cui hanno bisogno per realizzare il proprio obiettivo”.

“Nel 2018 oltre 4.000 donne di tutte le età hanno scelto di aderire al programma #SheMeansBusiness. Abbiamo organizzato, con la collaborazione di enti e istituzioni locali, 35 eventi formativi in 24 città italiane, mettendo in campo, da Nord a Sud, l’esperienza di 18 coach professionisti. Nel 2019 rinnoviamo il nostro impegno al fianco di Facebook. Lo facciamo partendo dalla Sicilia – dove 113.378 imprese sono guidate da donne – e da tutto il Mezzogiorno, nella convinzione che un approccio di sistema, alleanze strategiche e modelli positivi possano incoraggiare le donne nel raggiungimento dei loro obiettivi professionali e personali e contribuire all’avvicinamento della parità di genere nel mondo del lavoro” – dichiara Mirta Michilli, direttore generale della Fondazione Mondo Digitale.

Facebook e Instagram possono aiutare concretamente le piccole e medie aziende a crescere, fornendo gli strumenti affinché possano avere successo, indipendentemente dalla dimensione, le competenze, il settore industriale o la collocazione geografica. Per supportare le donne che vogliono fare impresa, in Italia Facebook ha deciso di lavorare in collaborazione con Fondazione Mondo Digitale, l'associazione no-profit che lavora per una società della conoscenza inclusiva coniugando innovazione e istruzione. Seguendo il modello train the trainer, Facebook formerà i coach di Fondazione Mondo Digitale, che a loro volta si occuperanno di formare 2.000 donne nelle regioni del Centro e Sud Italia entro la fine del prossimo anno. Per selezionare la squadra di coach professionisti, la Fondazione Mondo Digitale apre da oggi una call pubblica alla quale è possibile rispondere entro e non oltre il 22 novembre 2018.

Per farlo, avranno a disposizione strumenti e moduli formativi specifici, lezioni online e pratiche su come utilizzare al meglio le piattaforme di Facebook e Instagram per migliorare il proprio business, senza dimenticare le lezioni di autostima. I training di #SheMeansBusiness toccheranno nel corso del 2019 numerose città del Centro e Sud Italia, in Sicilia, Sardegna, Calabria, Basilicata, Campania, Puglia, Lazio, Abruzzo e Molise.

Oltre ad un programma di training in giro per l'Italia, Facebook metterà a disposizione anche un sito dedicato, shemeansbusiness.fb.com/it, dove sarà possibile trovare le storie di successo di donne imprenditrici italiane, consultare i materiali di formazione ed entrare in contatto con altre donne che vogliono avviare un'attività.

Erika Stefani, Ministra per gli Affari Regionali e le Autonomie, ha affermato: “L'utilizzo delle competenze digitali per la valorizzazione del territorio e lo sviluppo dell'imprenditoria femminile del Mezzogiorno sono fondamentali per poter crescere nell’economia di oggi. #SheMeansBusiness di Facebook è sicuramente un ottimo segnale in questa direzione e rappresenta un'opportunità per lo sviluppo dell’imprenditoria italiana e per accelerare la trasformazione digitale, in particolare nel Sud Italia.”

 

COMMENTI

Eventi