/media/post/fag548t/18set20_foto_copertina_libro_RS.jpg
Ferpi > News > Sostenibilità e comunicazione non convenzionale

Sostenibilità e comunicazione non convenzionale

31/08/2020

Redazione

Quella che stiamo vivendo è una vera e propria metamorfosi che porterà un cambiamento profondo: se vogliamo che il pianeta e le persone abbiano un futuro dobbiamo imparare a pensare in modo globale, sistemico, circolare. La sostenibilità è l’unica scelta possibile: occorre modificare i comportamenti, invertire le tendenze negative, ripristinare l’equilibrio degli ecosistemi. Mai come ora ambiente, clima, economia e comunità devono essere considerati parti inscindibili della stessa entità. In questa necessaria trasformazione la comunicazione, sempre più digitale e non convenzionale, ha (e avrà) un ruolo molto importante.

"Quante volte in un giorno capita di sentire la parola sostenibilità? Da quando ho iniziato ad occuparmi di questo argomento sono passati venti anni e, anche se oggi il termine è forse troppo utilizzato, posso affermare che la consapevolezza delle persone e delle organizzazioni è decisamente cresciuta. Sono cambiati due fattori: da un lato è migliorata la conoscenza dei problemi del pianeta e della società e dall’altro è aumentata la volontà di modificare il nostro modo di vivere, consumare, produrre. Ma se le aziende stanno cambiando il modo stesso di fare impresa, come cambia la comunicazione dell’impegno sociale e ambientale? Quando la sostenibilità è veramente un driver strategico il primo segnale è la modifica della relazione con gli stakeholder che vede l’utilizzo di linguaggi e strumenti diversi. In questa fase di cambiamento cresce anche il marketing non convenzionale, tecnica che mette al centro di tutto l’interattività con l’obiettivo di stupire ma soprattutto di ingaggiare le persone".

Il volume si chiude con 20 interviste impossibili, brevi colloqui con personaggi a cui dobbiamo essere grati per il ruolo che hanno avuto nella crescita della cultura della sostenibilità (anche se allora non si chiamava così). Nei miei colloqui immaginari ho coinvolto persone vissute molti anni fa ma anche scomparse da poco: Girolamo Azzi, Judi Bari, Howard Bowen, Berta Cacères, Rachel Carson, Antonio Cederna, Barry Commoner, Laura Conti, Alexander Langer, Ernst Haeckel, Julian Huxley, Alexandre King, Wangari Maathai, Danilo Mainardi, Chico Mendez, Giorgio Nebbia, Aurelio Peccei, Bertrand Russell, Luis Sepulveda, Dorothy Stowe.




Sostenibilità e comunicazione non convenzionale
Con 20 interviste impossibili
R. Sobrero
Egea, 2020
pp. 190, € 25,00

COMMENTI

Eventi