/media/post/qaa8zf5/folda_nani_istituzionale.png
Ferpi > News > Un'idea di futuro di cui ci si possa innamorare

Un'idea di futuro di cui ci si possa innamorare

17/04/2020

Filippo Nani

Si esce dalla crisi entrando in un mondo nuovo. Con tutte le cose che dovremo ricostruire che cosa vogliamo preservare e che cosa scegliamo di lasciare andare? Con che altro vogliamo vivere negli anni a venire? Contro cosa vogliamo vaccinarci? Abbiamo bisogno di un'idea di futuro che ci faccia superare la perdita e la paura. Ne è convinta Francesca Folda, protagonista del quarto CafFerpi, organizzato dalla Delegazione Ferpi Triveneto.

“È il 2020. Siamo in una crisi sanitaria, economica e sociale senza precedenti. Siamo bloccati nelle nostre case e sappiamo già che – quando potremo uscirne – la nostra vita non potrà essere quella di prima.

Va bene fare gli applausi ai medici e agli infermieri. Ascoltare il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ci ringrazia perché rispettiamo il lockdown. Vedere i grandi brand che fanno pagine di pubblicità sui giornali per dire anche loro “grazie” e #iorestoacasa. Ma non basta.

Questo è il momento in cui abbiamo l’opportunità di contribuire a dare forma alla vita che verrà poi. Senza subirla. Di fare cose "non perché sono semplici...".

È l’ora dell’impresa”.

Francesca Folda, direttore comunicazione Global di Amani Institute, business advisor con 20 anni di esperienza nel mondo del giornalismo e della comunicazione (Ansa, Panorama, Sky, Focus), ha riflettuto su come superare questa crisi nel corso di uno dei CafFERPI promossi dalla delegazione Triveneto. Dalla chiacchierata online è nato un testo che trovate in versione completa nel suo profilo Linkedin.

Francesca Folda sottolinea un aspetto fondamentale che impegna ciascuno di noi:

“Si esce dalla crisi entrando in un mondo nuovo. Con tutte le cose che dovremo ricostruire (abitudini, business, relazioni), che cosa vogliamo preservare e che cosa scegliamo di lasciare andare? Ancora più importante, che cosa vogliamo incorporare nella nuova vita, che prima mancava o non c’era abbastanza? Dovremo convivere con il coronavirus per un paio di anni almeno, dicono gli esperti. Con che altro vogliamo vivere negli anni a venire? Contro cosa vogliamo vaccinarci?

Abbiamo bisogno di una idea di futuro che ci faccia superare la perdita e la paura”.

Il video completo dell’intervento è disponibile nel Gruppo Facebook Ferpi Triveneto.

 

 

 

 

 

 

 

 

COMMENTI

Eventi