/media/post/955vafu/podcast-significato.jpeg
Ferpi > News > Un mondo sempre più multimediale: i formati audio e video in crescita

Un mondo sempre più multimediale: i formati audio e video in crescita

#TaccuinoDigitale

20/10/2021

Valentina Citati

Ipsos Italia ha presentato nei giorni scorsi i dati di una ricerca che mostrano quanto il podcast sia sempre più diffuso tra le abitudini di consumo dei contenuti degli utenti. D’altro canto Tik Tok ha da poco celebrato il traguardo di 1 miliardo di persone attive al mese sulla piattaforma. Si amplia quindi l’offerta e le modalità di consumo dei naviganti tra audio, video e immagini in un contesto sempre più multimediale.

Secondo l’ultima ricerca di Ipos, Digital Audio Survey, il podcast sarebbe oramai alla “prova della maturità”, “una maturità che si misura in 9,3 milioni di ascoltatori abituali nell’ultimo mese, il 31% del totale utenti internet, in leggera crescita (+1,4%) sul 2020, il 58% dei quali è disposto a pagare per singoli contenuti online”.

Rispetto ai comportamenti di consumo si rileva che: 

  • 2 utenti su 3 preferiscono podcast della durata massima di 30′

  • il 79% usa lo smartphone, ma c’è anche un 21% che fruisce podcast via smart TV, mentre gli smart speaker (Alexa e Google home in primis) non sembrano aver attecchito (10%)

  • la casa è il luogo preferito dall’81%, il 29% lo fa in auto

(descrizione)

Tra i risultati più rilevanti:

  • Il profilo degli ascoltatori è marcatamente giovane (il 44% è under 35), ma nel 2021 sono cresciuti i target adulti, laureati e professionisti.

  • L’ascolto è trainato da una logica pull: il 34% ascolta podcast per interesse nei confronti di un argomento specifico, il passa parola è rilevante per il 25% delle scoperte (sale al 32% nella Gen Z), così come le citazioni degli influencer inducono all’ascolto i più giovani, la voce dello speaker è un elemento di grande rilevanza, le serie sono più coinvolgenti degli episodi singoli.

  • Piattaforme preferite: la ricerca ha evidenziato in Italia una crescente preferenza nei confronti di YouTube che, con il 46%, è la più utilizzata per l’ascolto dei podcast nell’ambito piattaforme 100% free, seguita da Spotify con il 32% che sale però al primo posto se si considera il dato aggregato free + premium.

 

Tutto ciò porta a consigliare sempre più a marche e aziende di studiare bene caratteristiche e peculiarità di questo formato per sfruttarlo ai fini della comunicazione in modo consapevole e adeguato.

Infine cresce anche la passione per i video brevi di Tik Tok che da poco ha ringraziato la sua community globale sempre più numerosa, variegata e internazionale. Un successo merito della creatività e spontaneità dei contenuti non solo di star e influencers ma degli stessi utenti che, aiutati dall’algoritmo della piattaforma, hanno potuto esprimere la loro fantasia.

 

(descrizione)

COMMENTI

Eventi