/media/post/lv9esql/tavolo.jpeg
Ferpi > News > UNI: in arrivo la nuova edizione della norma sulla figura del comunicatore professionale

UNI: in arrivo la nuova edizione della norma sulla figura del comunicatore professionale

09/04/2021

Redazione

Il progetto di norma UNI1605641, che qualifica la figura del Comunicatore professionale, è in inchiesta pubblica finale fino al 1° giugno prossimo. Il documento è scaricabile dalla banca dati di UNI e aperto ai commenti di chiunque sia interessato al tema. 

È in inchiesta pubblica finale in queste settimane il progetto di norma UNI1605641, che qualifica la figura del Comunicatore professionale. Il documento, che ha per titolo "Attività professionali non regolamentate - Comunicatore professionale - Requisiti di conoscenza, abilità e autonomia e responsabilità", è liberamente scaricabile dalla banca dati online di UNI ed è aperto ai commenti di chiunque sia interessato al tema. 

Il progetto, sviluppato dal Gruppo di Lavoro UNI/CT 006/GL 06 “Figure professionali operanti nell’ambito della comunicazione” della Commissione "Attività professionali non regolamentate", definisce appunto i requisiti relativi all'attività del Comunicatore professionale, revisionando la norma UNI 11483 del 2013. I requisiti, come per le altre norme del settore APNR, sono specificati a partire da compiti e attività specifiche e declinati in termini di conoscenze e abilità, così da identificarne chiaramente il livello di autonomia e responsabilità in coerenza con il Quadro Nazionale delle Qualificazioni (QNQ) e del Quadro Europeo delle Qualifiche (EQF). I requisiti sono inoltre espressi in maniera tale da rendere omogenei e trasparenti, per quanto possibile, i relativi processi di valutazione della conformità.

Il Comunicatore professionale viene definito come quel professionista che si occupa della comunicazione come asset strategico di sviluppo di istituzioni, organizzazioni pubbliche, private e non profit e persone fisiche, e che svolge la propria attività a forte contenuto intellettuale e multidisciplinare - di tipo sia esecutivo che manageriale - in qualità di libero professionista, imprenditore, dipendente o altre forme. Il Comunicatore professionale progetta e realizza quindi strategie di comunicazione coerenti con gli obiettivi dell’organizzazione in cui o per cui opera.

Il documento individua cinque ambiti di riferimento da cui derivano i relativi profili specialistici:

Comunicazione Pubblica ed Istituzionale
Comunicazione d'Impresa
Comunicazione Tecnica
Comunicazione Politica
Comunicazione Sociale per il Terzo Settore

In termini di competenze, a seconda dei livelli di autonomia e responsabilità associati all'esercizio dell'attività, il Comunicatore professionale può essere inquadrato come Junior, Expert o Senior. Per ciascuno di questi livelli, il progetto di norma specifica innanzitutto i compiti comuni a tutti i profili individuati e i compiti specifici, secondo uno schema a matrice di facile consultazione. Vengono poi definite le conoscenze e le abilità comuni e specialistiche del Comunicatore professionale.

Il documento si completa di una Appendice A che specifica le linee guida per la valutazione della conformità relativa ai risultati dell'apprendimento, e una Appendice B che fornisce un inquadramento generale per la realizzazione di una infrastruttura della cultura dell'integrità professionale, delineando quindi gli aspetti etici e deontologici applicabili.

Il progetto di norma è in inchiesta pubblica finale fino al 1° giugno prossimo.

Per informazioni: normazione@uni.com 

 

COMMENTI

Eventi