Ferpi > News > Usa e mucca pazza

Usa e mucca pazza

07/01/2004

Milioni di dollari spesi dagli Usa in Rp per convincere gli americani che la mucca pazza non sarebbe mai arrivata e ora il ministero dell'Agricoltura è coinvolto in un caso di crisis management senza precedenti...

La mucca pazza non ci riguarda, è una malattia che colpisce solamente gli animali e in Europa si è trasformata in una fobia collettiva senza troppi fondamenti. In questi termini per anni si è parlato della mucca pazza negli Usa. E, spiega in un articolo John Stauber, il governo non ha fatto nulla per informare correttamente la popolazione e prendere provvedimenti, nonostante fossero stati pubblicati libri che sostenevano il contrario e raccontavano con precisione cause ed effetti del morbo di Creutzfeldt-Jacob.Tra i primi a parlarne furono gli stessi Sheldon Rampton e John Stauber con un volume del 1997 dal titolo "Mad Cow USA: Could the Nightmare Happen Here?". Il libro ebbe alcune buone critiche scientifiche ma, pur essendo divulgativo, fu totalmente ignorato dai mass media ed ebbe circolazione molto limitata. E questo è solo un esempio.Ora il morbo della Bse è diventato un problema pubblico anche negli Usa e il ministero dell'Agricoltura rischia di andare incontro a una crisi difficile da gestire. Le accuse sono gravissime: il governo sa da più di 10 anni dei rischi e delle cause della Bse. Per evitare che il morbo si diffondesse anche negli States sarebbe stato necessario vietare categoricamente il "cannibalismo animale": il ministro avrebbe dovuto introdurre controlli più rigorosi negli allevamenti. I provvedimenti necessari però non sono stati presi: costi per l'industria della carne sarebbero stati troppo alti. Per questo si è preferito chiudere un occhio e non informare correttamente la popolazione su quanto stava accadendo. Ora però i nodi vengono al pettine e John Stauber non è così sorpreso, anzi spiega nel suo articolo le tappe più salienti di questo lavoro di disinformazione durato anni e promette che nel libro "Mad Cow USA", disponibile sul sito www.prwatch.org, il lettore troverà informazioni attendibili e approfondite.Per ulteriori informazioni:AlterNetBarbara Roncarolo - Totem

COMMENTI

Eventi