Ferpi > News > Blog e pubblicità: ci prova Battelle

Blog e pubblicità: ci prova Battelle

07/02/2007

Lo specialista più specialista di Google che ci sia, John Battelle, mette la sua faccia (e i suoi soldi) in una società chiamata Federated media publishing che punta a fare da intermediario tra gli inserzionisti e blogger celebri.

Prima furono gli anni novanta, e Battelle partecipò alla fondazione di Wired, poi vennero altre testate, online e offline, e un libro culto sui motori di ricerca nei giorni in cui Google faceva capolino in rete coi suoi algoritmi innovativi. Uno dei web-visionari più noti al mondo, John Battelle, si è lanciato in una nuova avventura professionale e conoscendo le sue doti da anticipatore di tendenze e tecnologie, siamo già certi che il suo progetto farà parlare.
Battelle ha infatti fondato appena lo scorso anno una start-up a Sausalito, California: è la Federated media publishing, che si pone l'obiettivo di collegare il mercato (e dunque i soldi delle aziende, piccole e grandi) con le voci che popolano l'internet, come quelle dei blogger influenti, o dei siti di informazione dal basso. Lo fa con uno dei metodi più classici, ovvero quello di vendere pubblicità alle aziende su questi siti.Ma è l'oggetto che per una volta cambia e il vero valore di questi siti è nei contenuti autorevoli forniti dai loro collaboratori. Oltre ai parametri dell'internet advertising (il numero di click, gli aggiornamenti, gli utenti singoli), è fondamentale quel che Battelle in persona consiglia. Se per esempio BoingBoing, noto aggregatore di news curiose e mai banali, è segnalato tra i fiori all'occhiello dei siti di Federated media publishing, ci sarà un motivo che va oltre i suoi accessi.A testimoniare il fiuto per il business di Battelle e della sua società è il parco siti collegati al progetto: oltre al già citato BoingBoing figurano nomi che sono oramai una certezza del web 2.0, come Digg (tra i primi 100 siti al mondo), Buzz Machine, noto blog di Jeff Davis che fa le pulci all'editoria Usa, o Smart Mobs, sito nato dal libro-culto di Howard Rheingold, molte volte citato negli anni anche sul sito di Ferpi.
Le cose vanno già bene per John Battelle: nella prima settimana di febbraio ha annunciato di aver firmato contratti di pubblicità con grandi nomi come Nike, Cisco Systems, Nissan. Segno che anche le aziende (tutte, piano piano) si stanno attrezzando per raggiungere il mondo delle conversazioni online, anche in modi più semplici e meno invasivi, come quelli della cara e vecchia pubblicità.
Eva Perasso - Totem

COMMENTI

Eventi