Ferpi > News > Chi più condivide più informa

Chi più condivide più informa

26/04/2012

Il web ha sensibilmente modificato le logiche dell’informazione, creando una correlazione sempre più stretta tra testate giornalistiche e social network. Una recente ricerca di _Banzai_ mette al primo posto nella condivisione di contenuti, _Giornalettismo,_ seguita da _Linkiesta_ e _Il Post,_ con valori superiori a quelli dei principali quotidiani online italiani.

di Katiuscia Auriemma
La stretta relazione tra l’informazione online e i social network costringe a ripensare le metriche di successo delle testate editoriali. I soli indicatori di consumo non sono più sufficienti, cresce l’attenzione verso nuove modalità di misurazione della condivisione e della partecipazione del lettore con i contenuti della testata.
I social network cambiano il rapporto fra lettori e editori, proponendo un matrimonio in “regime di condivisione dei beni”, celebrato sulle notte dell’inno “Informazione è partecipazione”. Chi più condivide più informa e – per un editore – non c’è miglior lettore di colui che promuove ulteriore lettura e chiama altri lettori. La condivisione crea diffusione.
Quello che conta oggi è non perdere terreno verso un lettore sempre più distratto, multi-device, multi-canale, sempre meno cartaceo e sempre più esposto ai richiami della concorrenza. In questo processo “vince” chi riesce a proporre uno stile di coinvolgimento dei lettori.
Secondo una recente ricerca di Banzai e Human Highway, Giornalettismo risulta la testata online più avanti su questo nuovo terreno del confronto.
Con un tasso di Sharing Through del 22%, Giornalettismo, la nuova testata online di Banzai, si colloca al vertice della classifica dell’engagement del lettore, seguito da Linkiesta e da Il Post di Luca Sofri.
Il numero di condivisioni quotidiane per lettore nel giorno medio (il tasso di “Sharing Through”) dice molto di come una testata sia in grado di coinvolgere la propria base di lettori. Si tratta di un nuovo parametro che sarà in futuro sempre più utilizzato per giudicare la validità di una linea editoriale e costituirà un indicatore di performance dello stato di salute di una testata online.
Con oltre un milione di utenti unici al mese (dati Audiweb – febbraio 2012) e una crescita impetuosa dell’audience negli ultimi dodici mesi (+ 104%), Giornalettismo è la realtà emergente del panorama della nuova informazione italiana. Il suo modo originale di intendere e interpretare il giornalismo è esempio chiaro e tangibile dell’evoluzione dell’attuale sistema informativo.
Giornalettismo si è da sempre integrato perfettamente nei nuovi flussi comunicativi e nei social network come Facebook e Twitter, da cui ottiene oggi oltre il 50% del traffico.
Le notizie pubblicate dal sito risultano infatti le più segnalate, commentate e condivise quotidianamente in rete, con una media di oltre 200 share per articolo, dimostrando come la testa riesca a interpretare in maniera unica in Italia i fenomeni legati alla nuova informazione e ai social media.
Clicca qui per leggere la ricerca completa.

COMMENTI

Eventi