Ferpi > News > Comprami, anzi votami

Comprami, anzi votami

19/09/2006

Cresce in America la tendenza a studiare le abitudini commerciali dei consumatori per individuare potenziali elettori. Basta osservare la tecnica di Dick Devos, in gara per la poltrona di governatore del Michigan.

Dick Devos è un repubblicano, conservatore, in lizza per la nomina a governatore del Michigan. E' lui a ritenere che se una persona guida una Chevrolet Suburban, quest'uomo sarà, probabilmente, anche un suo elettore. La sua convinzione affonda le radici nelle tecniche di marketing e persuasione usate da decenni dalle aziende americane per individuare i propri potenziali clienti. Il fine, però, non è più vendere un prodotto, ma un uomo politico e le sue idee. Sempre più campagne elettorali prevedono la collaborazione con aziende in grado di creare un database nel quale confluiscono i consumi, gli hobby e le preferenze mediatiche dei cittadini.
Una volta in possesso di queste informazioni, i politici possono individuare i propri supposti elettori e contattarli personalmente, chiamarli al telefono, inviare loro posta o e-mail, utilizzare ovvero tutte le tecniche del direct marketing, oppure mostrare loro dei pop up se visitano determinati siti web.I dati sui consumatori consentono di definire il Dna politico e sociale di una persona. Così un frequentatore di ristoranti viene catalogato come un individuo appartenente alla middle class che apprezza i valori della famiglia, della comunità e della coerenza. Oppure un cliente di WalMart tende a essere conservatore, a favore delle armi ed extraurbano, mentre un aquirente di Bloomingdale's è liberale e urbano. Affermazioni opinabili, che però hanno un riscontro di buona attendibilità.
Secondo Matthew Dowd, capo dell'ufficio strategico di George W. Bush dal 2004, comprendere lo stile di vita di una persona consente di individuare un elettore con un'attendibilità del 90 per cento, contro il 60 per cento delle vecchie tecniche basate su fattori geografici ed etnici. Nel 1996 gli strateghi di Bill Clinton si accorsero che sia i tifosi di basket, sia chi lavorava a maglia o guardava talk show erano tutti e di sicuro supporter dell'ex presidente, mentre chi ascoltava musica country ed era appassionato di football e del telefilm Friends era pronto a votare per Bob Dole.
Emanuela Di Pasqua - Totem

COMMENTI

Eventi