Ferpi > News > CSR Online Awards 2014: le aziende più attente alla sostenibilità

CSR Online Awards 2014: le aziende più attente alla sostenibilità

30/05/2014

Sono _Telecom Italia, Hera_ e _Snam_ ad aggiudicarsi il podio della classifica italiana stilata da _Lunquist._ Le aziende italiane sono più deboli delle controparti europee nell'utilizzo dei social media e nel coinvolgimento degli stakeholder sui temi chiave della sostenibilità ma tengono testa sull'approfondimento dei contenuti.

Deutsche Post DHL, Nestlé e Unilever sono sul podio della sesta edizione della ricerca CSR Online Awards, primo studio approfondito in Europa sulla comunicazione online della Responsabilità Sociale (CSR) e della sostenibilità.
La ricerca, condotta da Lundquist, ha valutato le maggiori 100 società quotate in Europa mentre in Italia ha valutato come le 100 maggiori società italiane (comprese 20 non quotate) utilizzino i canali online per comunicare la propria CSR.
Deutsche Post DHL ha ottenuto la prima posizione con 73 punti su 100, (67,75) seguita da Nestlé (67,75) e Unilever (66,25). Circa un quarto delle aziende sono state escluse poiché non pubblicano informazioni di base sul proprio sito corporate.
La ricerca mostra come la sostenibilità e responsabilità sociale stiano subendo un profondo cambiamento che sta ridefinendo il rapporto azienda-stakeholder. Conseguentemente è stato necessario modificare la metodologia di valutazione basandola su 7 parametri – concretezza, esaustività, integrazione complessiva, distintività, tempestività, facilità d’uso e utilizzo dei Social Media.
In Italia, Telecom Italia si aggiudica la prima posizione con 65,5 punti complessivi. L’azienda riconquista la vetta della classifica, già ottenuta nel 2011, posizionandosi prima di Hera Group (62,75) e di Snam (61). Alla vittoria hanno contribuito sia il sito di Gruppo sia le diverse iniziative online volte a sensibilizzare e coinvolgere attivamente il grande pubblico sui temi della responsabilità sociale.
Nel nostro Paese, tra le cento maggiori aziende italiane, 30 non pubblicano un report di sostenibilità e 32 non pubblicano nella propria sezione di sostenibilità le informazioni di base. Le aziende italiane tengono testa alle controparti europee in termini di approfondimento dei contenuti, mentre sono particolarmente deboli nell’utilizzo dei social media e nel coinvolgimento degli stakeholder sui temi chiave della sostenibilità.
Top ten italiana
1. Telecom Italia (65.5 points out of 100)
2. Gruppo Hera (62.75)
3. Snam (61)
4. Eni (59.5)
5. Enel (50.25)
6. Fiat (48.5)
7= CNH Industrial (48)
7= Edison 48)
9. Intesa Sanpaolo (47.25)
10. Terna (46.5)
Clicca qui per scaricare i risultati completi della ricerca italiana ed europea.

COMMENTI

Eventi