Ferpi > News > Dal Gruppo Education di Ferpi, una metodologia per la trasparenza nei corsi universitari di Rp

Dal Gruppo Education di Ferpi, una metodologia per la trasparenza nei corsi universitari di Rp

10/02/2004
I principi guida per la valutazione dei Corsi di laurea in Relazioni pubbliche, elaborati dal Gruppo Ferpi Education
Il Gruppo Education Ferpi ha elaborato dei principi guida al fine di valutare l'offerta formativa in relazioni pubbliche, e in comunicazione d'impresa, delle università italiane. Si tratta in realtà di una metodologia, costituita da una tabella e da alcuni indicatori (vedi presentazione allegata), per valutare il tipo di preparazione che ciascun corso è in grado di fornire e, in particolare, il livello dei suoi contenuti professionali.Il vero obiettivo di questo lavoro è di rendere trasparente l'offerta formativa in modo tale che gli studenti si possano meglio orientare tra tutti quei corsi di laurea che si presentano con l'etichetta di relazioni pubbliche o di comunicazione d'impresa. In modo cioè che risultino chiari i reali contenuti professionali erogati, attraverso l'analisi del rapporto tra corsi di base e corsi professionali, e la qualità complessiva degli stessi.
Esiste anche un obiettivo forse più ambizioso. Quello di aiutare i Consigli di Facoltà delle Università che presentano Corsi di laurea di questo tipo a modificare, nel senso di raggiungere un livello adeguato di contenuti professionali, la loro offerta formativa. Lo stimolo in questo senso dovrebbe derivare dalla certificazione che la Ferpi, seguendo l'esempio dell'associazione di categoria inglese e sulla base della metodologia messa a punto, si propone di rilasciare ai corsi di laurea che rispettano i requisiti giudicati indispensabili.La metodologia proposta, e l'analisi sui corsi di laurea in rp e in comunicazione d'impresa che si concluderà entro la fine di questa settimana, hanno dunque tre obiettivi con tempi diversi.

Orientare da subito gli studenti.
Aiutare i CdF a migliorare i loro corsi di laurea in Rp e Cd'i nell'arco di quest'anno accademico.
Certificare i Cdl che avranno raggiunto, a partire dall'anno prossimo, i requisiti di qualità stabiliti.

COMMENTI

Eventi