Ferpi > News > Il Business delle RP è in via di estinzione?

Il Business delle RP è in via di estinzione?

11/06/2009

Detto in breve, sì. Secondo alcune stime americane, circa il 70% delle società di rp oggi sul mercato, che con le loro strutture gestiscono in modo tradizionale relazioni pubbliche e comunicazione, non sopravvivranno all’inarrestabile avanzare dei new media. Il rimanente 30%, che dovrà assai rapidamente adeguarsi a questo nuovo settore in cui già opera, riuscirà a migliorare.

di Fuat Kircaali


Alle società che operano sul mercato pubblico le regole, oggi in vigore, impongono di rendere note le informazioni che le riguardano o attraverso un comunicato stampa o attraverso una teleconferenza, ma non direttamente attraverso la rete. Il 99% delle società di rp oggi attive sono ancora sul mercato grazie a questa singola regola.


Tre anni fa, nel 2006 e per la prima volta, il CEO di Sun Microsystems, Jonathan Schwartz, ha chiesto alla SEC (la Consob americana, ndr) di modificare questa regola. Beh, già oggi la nuova gestione della Casa Bianca diffonde alla nazione le comunicazioni settimanali del Presidente attraverso la rete, bypassando in toto tutti i tradizionali canali informativi.


Le società di rp oggi attive ostacolano l’avvento dei social media, ma il loro destino è di entrare a far parte della specie estinta dei dinosauri insieme ai giornali e alla maggior parte delle riviste, che oggi si stampano.


Circa due mesi fa, abbiamo lanciato il public beta di Ulitzer * : le reazioni che abbiamo riscontrato tra gli operatori di relazioni pubbliche ci consentono di suddividerle nei seguenti tre gruppi:


1) Società di RP che approfittano dell’opportunità e usano la piattaforma Ulitzer quotidianamente per postare le news e i comunicati stampa dei loro clienti. Questo gruppo di consulenti di solito svolge già un’attività di diffusione tradizionale delle notizie, ma capiscono le potenzialità della piattaforma e la usano per una diffusione efficace delle notizie. Prima o poi scopriranno modi nuovi e creativi per utilizzare gli strumenti offerti dai new media.


2) Società di RP dotate di buon senso che indicano i loro clienti come autori e pubblicano gli articoli firmati oltre ad usare il potente mezzo offerto da Ulitzer per diffondere le loro notizie. Queste sono quelle che molto probabilmente si adatteranno e sopravvivranno anche se il loro settore è in rapidissima evoluzione.


3) Società di RP che capiscono Ulitzer e sono sconvolti dall’idea che i loro clienti possano scoprirlo. Ho avuto una lunga corrispondenza con il proprietario di una società di rp della Silicon Valley che mi ha detto che, non soltanto voleva togliere la notizia che era stata postata su Ulitzer, ma anche quella su Google News e altri siti di news.
Questa esperienza mi ha fatto pensare che il fondatore e proprietario di questa nota società di relazioni pubbliche non avesse la più lontana idea di come funzionasse Internet. Ebbene, questo genere di società di rp saranno le prime a sparire con l’ampia accettazione e l’uso sempre più diffuso delle piattaforme di social news come Ulitzer.


Tra l’altro, i nuovi strumenti di social media non significano Facebook o Twitter o Linkedin. Io mi riferisco agli strumenti che non esistono ancora o che non sono ancora largamente diffusi. Le piattaforme che sono popolari oggi non passeranno mai lo stadio di strumenti di spam di massa: la loro totale inefficacia sarà ampiamente dimostrata prima della fine di quest’anno.


Le società con il maggior numero di blogger professionali avranno la meglio
Domani (proprio domani, non tra una decina d’anni) la partita del marketing si giocherà sulle piattaforme gestite da professionisti di blog istituzionali. Le società con il maggior numero di blogger istituzionali ben diffusi e stimati vinceranno sia le sfide di marketing sia quelle della propaganda. Le società più grandi avranno bisogno di un numero superiore di blogger istituzionali. La job description di ‘professionisti di blog istituzionali’ comincerà ad essere molto diffusa.


Essere o non essere, questo è il dilemma che si porrà alle società di rp che si troveranno ad affrontare questa fase. Chi è in grado di fornire quei servizi, le cui job description non sono ancora ben definite, diventerà la innovativa e coraggiosa società di rp di domani.


A parte questo, il giorno in cui la nuova SEC, alle dipendenze della Casa Bianca 2.0 dell’amministrazione Obama, risponderà alla domanda postata tre anni fa da Jonathan Schwartz, segnerà la fine della maggior parte delle società di rp.



* Ulitzer platform è un nuovo servizio (in beta) che permette agli utenti di creare i loro magazine. E’ stato lanciato ufficialmente a marzo con 1.000 nuovi magazine e titoli, realizzato da più di 6.000 “rock star technology writers”, e riporta più di 1 milione di articoli originali, coperti da copyright. E’ pubblicato con la licenza Creative Commons.



tratto da Web 2.0 Journal


(traduzione F.C.)

COMMENTI

Eventi