Ferpi > News > Il sindacato non piace a Wal Mart

Il sindacato non piace a Wal Mart

02/05/2007

Il colosso Usa torna a far parlare di sé e, proprio il giorno del primo maggio, esce un report che tratta dei diritti negati ai suoi lavoratori. A cominciare dai sindacati che, semplicemente, non esistono.

Sono tante le strategie che un'azienda può mettere in atto per disincentivare le union e Wal Mart, secondo un rapporto appena uscito firmato da Human Rights Watch e intitolato "Discounting Rights: Wal-Mart's Violation of US Workers' Right to Freedom of Association", le utilizza tutte. Si va da un clima intimidatorio a un esplicito indottrinamento dei manager a non coalizzarsi nei sindacati e a segnalare eventuali iniziative sindacali da parte dei dipendenti. Infine esistono video dimostrativi e in generale un punto di vista dell'azienda che trascura questa forma di tutela dei diritti. Dopo tanti scandali e il tentativo da parte di Wal Mart di rifarsi un'immagine, proprio nel giorno dedicato al lavoro esplode nuovamente la polemica contro uno dei più odiati simboli del capitalismo.
Eppure la diagnosi non può essere così sbrigativa. Wal Mart continua ad avere successo, grazie a una completa integrazione con le tecnologie dell'informazione che consente al colosso di Bentonville di avere una percezione molto esatta della domanda e grazie a una sorta di gigantismo profittevole, che fa sì che questo marchio non abbia necessità di esternalizzare il lavoro. Ma l'altra ragione, la meno nobile, della fortuna di Wal Mart è da individuarsi nel fatto che si è trovata a operare in un'area rurale e ciò l'ha facilitata nel tenere lontane le union, non tanto nei punti vendita, quanto nelle aree dedicate ai depositi.
Il report Human Rights Watch si basa sulla testimonianza di 41 impiegati o ex impiegati della società, che hanno fornito in merito alla sindacalizzazione dell'azienda punti di vista differenti. Nessuna risposta significativa è stata data invece dall'azienda stessa che, contattata dall'associazione di tutela dei diritti umani, ha evitato l'argomento. Qualcosa però non viene detto nel rapporto in esame: la maggior parte dei dipendenti Wal Mart sono molto fedeli all'azienda e forse proprio per questo l'atteggiamento inibente funziona così bene. Non bisogna dimenticare che la regione dove è nata Wal Mart, chiamata Ozarks (Oklahoma orientale, Nord Arkansas e Sud Missouri) era una zona agricola e decadente, con un tasso di disoccupazione altissimo e una composizione etnica quasi completamente bianca. Wal Mart li ha salvati e conquistare la fedeltà di questa gente povera e bianca è stato relativamente facile.
Emanuela Di Pasqua - Totem

COMMENTI

Eventi