Ferpi > News > Imprenditore o comunicatore? Il ruolo delle Rp nelle imprese

Imprenditore o comunicatore? Il ruolo delle Rp nelle imprese

30/05/2012

“Fare impresa” e comunicare sono due aspetti strettamente correlati: dietro ogni storia imprenditoriale ci sono strategie e comportamenti comunicativi coerenti e consapevoli. E’ stato il punto di partenza dell’intervento di _Fabio Ventoruzzo_ a _Mi Faccio Impresa,_ il Salone dei Nuovi Imprenditori, lo scorso 28 maggio a Milano.

In uno scenario in cui competizione crescente e crisi sono condizioni fisiologiche, la gestione della comunicazione diventa parte fondamentale della gestione di un’azienda. Puntare sull’innovazione e su una nuova idea di imprenditorialità per fare scelte vincenti ed essere in prima persona protagonisti della crescita.
E’ l’idea alla base di MiFaccioImpresa, il Salone dei Nuovi Imprenditori, il 28 e 29 maggio a Milano con il patrocinio, fra gli altri, di Ferpi. Ferpi ha partecipato alla terza edizione di Mi Faccio Impresa, Il Salone dei Nuovi Imprenditori che si è svolto lo scorso 28 e 29 maggio a Milano.
Nell’ambito del programma della due giorni, Fabio Ventoruzzo ha partecipato con un intervento sul tema Imprenditore o comunicatore? Il ruolo della comunicazione nell’attività di impresa. “Fare impresa” e comunicare sono due aspetti strettamente correlati: dietro ogni storia imprenditoriale (soprattutto di successo) ci sono strategie e comportamenti comunicativi coerenti e consapevoli.
In uno scenario in cui competizione crescente e crisi sono condizioni fisiologiche, la gestione della comunicazione diventa parte fondamentale della gestione di un’azienda. Differentemente da come si è portati a ritenere, la comunicazione però non è solo una questione di tecniche o di strumenti.
La comunicazione è un aspetto rilevante della cultura e del carattere di una impresa. È parte del suo dna. Molto spesso la sola comunicazione è inefficace nel sostenere il business aziendale perché non si ha ben chiaro cosa si vuole ottenere, si considera la comunicazione come “altro” rispetto alla normale attività di impresa, non si irriga costantemente l’attività oppure semplicemente perché non si comprendono le aspettative dei pubblici, facendo leva sull’imbonizione senza ascolto.
Comunicazione è prima di tutto capire quale valore l’impresa può creare e condividere con i suoi stakeholder. La ricerca di questo valore condiviso, risiede, prima di tutto nell’ascolto e nel coinvolgimento degli stakeholder: solo così l’impresa potrà veder garantita la sua licenza di operare che le consentirà di durare nel tempo (il concetto di sostenibilità).
Credibilità (della fonte) e familiarità (dei contenuti) sono elementi che – anche con l’avvento delle tecnologie 2.0 – si stanno ricomponendo all’interno del concetto più ampio di fiducia dove competenza (“avere l’abilità per fare quello che si dice di voler fare”) e affidabilità (“fare quello che si dice di voler fare”) sono oggi i criteri di efficaci nel costruire e mantenere relazioni con gli stakeholder.
È il capitale relazionale oggi la voce più importante del patrimonio intangibile di una organizzazione. E la comunicazione è una competenza che si richiede alla governance di una impresa (e quindi agli imprenditori) per alimentare quel patrimonio. In questa direzione si inserisce anche il recente protocollo che Ferpi ha siglato con Confindustria Piccola Industria e che prevede una serie di iniziative volte a fornire – con un taglio concreto e pratico – supporto alle piccole e medie imprese nelle attività di comunicazione.
L’accordo nasce dalla constatazione dell’esigenza di agire per migliorare la consapevolezza tra le PMI della loro identità e, al contempo, delle competenze di comunicazione trasformandole in un’attività costante e strategica anche individuando un approccio alla comunicazione che risponda alle peculiari caratteristiche delle imprese e al loro ricco e specifico tessuto di relazioni.
Utilizzare consapevolmente e strutturalmente la comunicazione può rappresentare una variabile di successo per consolidare la capacità competitiva delle imprese, specie se di piccole dimensioni. Saper comunicare il proprio carattere agli stakeholder, condividendo con loro il valore creato è, quindi, un elemento cruciale per il fare impresa.

COMMENTI

Eventi