Ferpi > News > La Csr di David Cameron

La Csr di David Cameron

22/05/2006

Il programma politico di David Cameron, leader conservatore britannico, mette al centro la Csr. Prima ancora dei profitti.

"La causa che sostenete è sempre stata parte dei miei valori personali quando ho lavorato nel business. E ora che sono in politica è una parte centrale dei miei valori politici." Ha esordito così David Cameron, il leader dei Conservatori britannici all'ultima conferenza annuale di Business in the Community rivendicando come valore fondante del  centro destra l'importanza della Responsabilità Sociale delle Imprese.
"La CSR" ha proseguito Cameron "è uno dei due valori, insieme alla fiducia nelle persone, che definiscono il partito Conservatore moderno che stiamo costruendo. In alcuni anni, spero, la Gran-Bretagna avrà un governo Conservatore. In questo caso come si avvicinerebbe un futuro governo Conservatore alla responsabilità corporativa? Che genere di politica dovrebbe prevedere?" Negando che per il suo partito l'unica CSR del business sia fare quanti più soldi possibile per gli azionisti, Cameron ha ribadito che il partito Conservatore considera i profitti come linfa vitale del capitalismo e naturalmente riconosce quanto le aziende con profitti grandi e piccoli siano vitali per la  prosperità economica e per la qualità di vita. "Le aziende forniscono lavoro, ricchezza e occasioni, migliorando costantemente merci e servizi che rendono la vita della gente più facile e più felice. Il business, inoltre, genera gran parte del reddito di imposta che paga i servizi pubblici.Così ho sempre appassionatamente creduto nel dinamismo del mercato libero. Ma, ugualmente, non ho creduto mai che potessimo affidare tutto alla forza del mercato. Oggi sappiamo anche che la pratica responsabilità sociale si è sviluppata enormemente nel corso degli anni. E  conosciamo cosa fanno le aziende con i profitti che realizzano, ma in primo luogo anche come realizzano quei profitti."Il leader conservatore britannico ha proseguito dichiarando che il metodo da seguire è deregulation in cambio di una maggior responsabilità e che l'alternativa reale alla CSR non è certo l'utopia del profitto massimizzato perché nessuna società ha mai permesso che il business funzionasse senza tenere in considerazione i suoi effetti sociali.Annunciando la formazione di un gruppo di lavoro della sua coalizione sulla responsabilità sociale delle imprese per esplorare il potenziale di una nuova comprensione tra business e governo, il leader inglese ha concluso: "Sempre più - grazie agli sforzi di Business in the Community e simili organizzazioni nel mondo si è capito che la responsabilità d'impresa crea business di buon senso. E più le aziende adottano volontariamente le pratiche responsabili di affari, più spingono verso un controllo più chiaro di regole e applicazioni& Abbiamo bisogno di un'alternativa alla proliferazione delle leggi, delle norme e delle regolazioni...Così desidero il partito Conservatore sviluppi il proprio metodo distintivo sulla CSR, un metodo che con la nostra passione contribuisca a far diventare l'economia della Gran-Bretagna sempre più competitiva."N.C.

COMMENTI

Eventi