Ferpi > News > La gestione della reputazione nelle attività di Rp e consulenza

La gestione della reputazione nelle attività di Rp e consulenza

14/01/2009

CeSAR, Centro Studi Accademici sulla Reputazione, in collaborazione con la facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università Sapienza di Roma, ha condotto la ricerca “La pratica della reputazione d’impresa in Italia: indagine tra i professionisti delle relazioni pubbliche e della consulenza strategica”.

La pratica della reputazione d’impresa in Italia è un‘iniziativa, sviluppata all’interno del laboratorio “Reputazione d’impresa”, nata dalla collaborazione tra la facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università Sapienza di Roma e l’istituto di ricerca CeSAR (Centro Studi Accademici sulla Reputazione).


La ricerca è nata con l’obiettivo di approfondire il punto di vista di professionisti riguardo la considerazione che in Italia le società di relazioni pubbliche e di consulenza strategica e le organizzazioni loro clienti hanno del concetto di reputazione e come, tale considerazione, si manifesta nella pratica con attività di controllo e gestione della stessa.


L’indagine ha analizzato i seguenti ambiti:


- l’offerta di servizi di gestione della reputazione;
- la domanda di servizi di gestione della reputazione;
- il valore della reputazione;
- gli ostacoli alla pratica della reputazione;
- il rapporto tra reputazione e relazioni pubbliche.



Condotta nel mese di Maggio 2008, l’indagine ha analizzato quale sia in Italia la considerazione del concetto di reputazione d’impresa e quale sia la sua effettiva pratica, indagando le opinioni a riguardo di 31 tra le maggiori società di consulenza strategica e relazioni pubbliche operanti nel nostro Paese.


I risultati della rilevazione mettono in evidenza come il concetto di reputazione d’impresa stia modificando il mercato dei servizi di Rp e consulenza e continuerà a farlo nei prossimi anni, assumendo sempre più centralità. Il 90% delle aziende intervistate, infatti, offre almeno un servizio relativo alle gestione della reputazione ed oltre l’80% fra le imprese censite prevede un incremento per i prossimi 5 anni dell’offerta di servizi dedicati.


Si tratta, così, di un’evoluzione delle tradizionali pratiche di gestione dell’immagine e dell’identità, che da un lato trasforma l’esperto di Relazioni pubbliche da semplice tecnico a consulente e che dall’altro innalza il livello degli interlocutori all’interno delle organizzazioni clienti fino ai massimi vertici (Presidente o Amministratore Delegato). All’interno delle aziende clienti si riscontrano tuttavia ancora difficoltà nel dialogare e confrontarsi con specifiche competenze come la figura del Risk Manager.


Il processo sembra comunque ben avviato tanto da lasciar prevedere per i prossimi anni una progressiva centralità dei servizi legati alla gestione della reputazione nelle attività delle società di relazioni pubbliche e consulenza. Infine riguardo al dilemma più volte proposto dalla letteratura, ossia se la reputazione d’impresa sia un aspetto delle Rp o le Rp uno dei possibili ambiti di gestione della reputazione, le società intervistate concordano con la prima versione cercando di stabilire un primato delle Rp sulla gestione della reputazione d’impresa e contrastando in questo la maggior parte degli studiosi.


Leggi qui la ricerca completa.

COMMENTI

Eventi