Ferpi > News > Le relazioni pubbliche internazionali, la comunicazione degli eventi di spettacolo e Rp e pubblicità

Le relazioni pubbliche internazionali, la comunicazione degli eventi di spettacolo e Rp e pubblicità

18/10/2005

Tutti i resoconti dall'ultimo modulo del master in Rp d'impresa

Master in Relazioni Pubbliche d'Impresa 2005 - Workshop "Le relazioni pubbliche internazionali" - 14 ottobre 2005Docente Responsabile Toni Muzi Falconi
Il Programma1. Principi generali delle RP internazionali2. Lo sviluppo professionale nelle diverse aree del mondo3. Il caso Indesit Company
Principi generali delle RP internazionaliVenerdi 14 ottobre Toni Muzi Falconi ha dato il via al primo dei tre workshop previsti dal programma del Master in RP d'Impresa. Il tema era quello delle Relazioni Pubbliche internazionali.Per iniziare il docente ha voluto illustrare i concetti chiave della professione citando alcuni tra i maggiori professionisti ed esperti del settore.Così come è emerso con forza in tutti i moduli formativi del Master le relazioni pubbliche hanno oggi un ruolo strategico nelle organizzazioni, ma perché possa essere esercitato appieno questo ruolo, i professionisti hanno il dovere di prestare attenzione agli innumerevoli cambiamenti del mercato e della società. Primo fra tutti il fenomeno di globalizzazione emerso nell'ultimo decennio e che ha inciso fortemente sulla comunicazione e sui suoi strumenti. E' interessante sottolineare però come la comunicazione stessa e le tecnologie da cui è supportata possano essere considerate un fattore promotore e trainante della globalizzazione.Fondamentale inoltre la capacità del professionista di mantenere una prospettiva multiculturale nell'approccio alla comunicazione e all'esercizio della professione.L'attenzione si è quindi spostata sulla comunità professionale: il docente ha chiarito innanzitutto le dimensioni, sia in termini numerici che economici, e alcune delle caratteristiche principali della comunità dei relatori pubblici a livello mondiale.Lo sviluppo professionale nelle diverse aree del mondoLa lezione è proseguita affrontando il tema dello sviluppo professionale e dei diversi modelli di relazioni pubbliche a livello mondiale.Il docente ha illustrato ai partecipanti i diversi modelli di gestione delle relazioni pubbliche internazionali, diversi da continente a continente, ma anche da paese a paese e a seconda delle realtà economiche e sociali. Le relazioni pubbliche e i primi modelli di gestione hanno origine in America e nei paesi anglosassoni ed è stato attraverso le multinazionali americane che sono approdate in Europa. Il vecchio continente nell'immediato dopoguerra ha quindi adattato ed elaborato un proprio modello sullo stampo del quale si è sviluppato successivamente quello asiatico e negli ultimi anni quello africano.Alcuni studiosi stanno però attualmente lavorando sull'ipotesi di un modello globale che si basi su principi generali, ma applicabili alle specificità locali.Il caso Indesit CompanyNell'ultima parte della mattinata è intervenuto A. Patruno, head of Communication di Indesit Company, il quale ha illustrato ai partecipanti il modello comunicazionale internazionale di Indesit Company. Sono stati presentati alcuni casi relativi a criticità ed esperienze nei diversi paesi in cui l'azienda opera.La comunicazione e le strategie adottate, nonostante l'azienda fosse sempre la stessa, sono state sapientemente differenziate a seconda dei contesti sociali ed economici. Questo è quindi il motivo per cui in alcuni paesi l'organizzazione ha optato per strategie che si concentravano su attività di brand communication, mentre in altri hanno ritenuto più adeguato puntare sulla comunicazione istituzionale o sulla comunicazione interna.


Workshop "La comunicazione degli eventi di spettacolo" - 14 ottobre 2005Docente Responsabile Maria Serena Pace, Vice Presidente MN Gruppo Mediante
Il Programma1. Gli eventi di spettacolo2. La comunicazione di un evento di spettacolo3. Case historiesGli eventi di spettacoloNel pomeriggio di venerdi 14 ottobre i partecipanti hanno assistito al workshop sulla comunicazione degli eventi di spettacolo tenuto da Maria Serena Pace.La docente ha dapprima spiegato la natura dell'evento di spettacolo evidenziando come questo non debba essere considerato sempre e comunque correlato al concetto di semplice e puro entertainment. Sempre più spesso infatti l'evento di spettacolo diventa un forte elemento di comunicazione presso i propri pubblici di riferimento fino ad arrivare a essere in grado di influenzare la percezione comune di alcuni elementi della realtà.Dopo una breve introduzione circa la natura dell'evento di spettacolo e delle caratteristiche che lo rendono tale, ne sono state presentate le principali tipologie: dal one man show, all'evento televisivo, l'evento teatrale, il lancio di un programma/canale televisivo fino ad arrivare al grande evento di piazza.La comunicazione di un evento di spettacoloUna volte identificate le tipologie e le caratteristiche basilari che distinguono gli eventi, il secondo passo ha visto spostare l'attenzione sulle diverse strategie e sulle modalità di comunicazione che differenti contesti ed esigenze impongono. Successivamente la docente ha analizzato insieme ai partecipanti gli step operativi da affrontare.Per dare vita a una comunicazione efficace fondamentale è l'individuazione di elementi forti e caratterizzanti dell'evento e la costruzione di un'aspettativa nel pubblico di riferimento.Il primo passo è il dialogo con lo staff creativo dell'evento per fare in modo che siano chiare a tutti l'impostazione generale e le finalità di questo, seguito poi dalla fase di progettazione strategica in cui vengono individuati gli stakeholder, le azioni di comunicazione, i media e i tempi di attuazione.Fondamentali sono inoltre le relazioni con i media: per la comunicazione di un evento infatti i rapporti con i media devono essere caratterizzati da dinamismo, ma soprattutto da credibilità. La credibilità infatti conferisce autorevolezza, caratteristica imprescidibile quando si intrattengono rapporti con i giornalisti.Ci sono infine alcuni elementi comuni tra gli step operativi della comunicazione di un evento. Primo fra tutti la preparazione di materiali redazionali e la loro distribuzione, ma anche l'organizzazione di conferenze stampa per il lancio dell'evento, l'ideazione e la gestione della sala stampa, pittosto che la gestione dei critici o la realizzazione di servizi fotografici ad hoc.Case historiesNell'ultima parte del pomeriggio la docente ha presentato alcune case histories che meglio hanno potuto chiarire agli occhi dei partecipanti le dinamiche e le differenti modalità di comunicazione di eventi di spettacolo molto diversi tra loro.Sono stati proiettati dei video che avevano come oggetto gli esempi citati dalla docente e ciò ha favorito la comprensione da parte dei partecipanti delle logiche che sottendono l' ideazione e la gestione della comunicazione degli eventi di spettacolo.


Workshop "RP e Pubblicità a confronto" - 15 ottobre 2005
Docente Responsabile Furio Garbagnati, Presidente e A.D. Weber Shandwick Italia
Il Programma1. RP e Pubblicità: definizioni e caratteristiche2. Le relazioni pubbliche e la loro collocazione all'interno dell'organizzazione3. I terreni di incontro tra RP e PubblicitàRP e Pubblicità: definizioni e caratteristicheNel workshop di sabato mattina è stato affrontato insieme da Furio Garbagnati il tema delle differenze e del confronto tra le relazioni pubbliche e la pubblicità. La lezione si è aperta con la definizione e la descrizione delle attività principali e delle caratteristiche distintive di queste due aree della comunicazione, con particolare attenzione a quelle che sono le differenze sostanziali. Innanzitutto i differenti pubblici a cui si rivolgono: la pubblicità si rivolge per definizione ai consumatori finali, mentre le relazioni pubbliche si rivolgono agli stakeholder cioè a coloro le cui opinioni e atteggiamenti possono direttamente o indirettamente influenzare il raggiungimento degli obiettivi dell'organizzazione.Inoltre le modalità di comunicazione sono profondamente diverse non solo negli strumenti, ma anche nei modelli: mentre la pubblicità è caratterizzata da una comunicazione a, le relazioni pubbliche si caratterizzano per una comunicazione con, intendendo con ciò l'importanza della bilateralità, del dialogo che convolge entrambe le parti, l'organizzazione e il pubblico di riferimento.Le relazioni pubbliche e la loro collocazione all'interno dell'organizzazioneOggi come oggi le relazioni pubbliche sono divenute una disciplina del management d'impresa e proprio per la loro capacità di costruire e implementare le relazioni con gli influenti cositituiscono per l'organizzazione una fonte di valore e di ricchezza.Proprio in nome del ruolo strategico per l'organizzazione che le relazioni pubbliche hanno assunto negli ultimi anni, esse si collocano a fianco del vertice dell'impresa stessa, anche perché le azioni che pongono in essere e le finalità incidono direttamente sulla reputazione aziendale.Le relazioni pubbliche inoltre hanno la capacità di coinvolgere terze parti, intendendo con ciò dei veri e propri endorser in grado di fare propri e veicolare i messaggi di cui l'organizzazione si fa portatrice. Ciò rappresenta un'enorme opportunità per l'impresa a differenza dei testimonial, abbondantemente usati in pubblicità, ma che si limitano a stimolare un processo di identificazione e di emulazione legato in modo specifico alla dinamica dei consumi.
I terreni di incontro tra RP e PubblicitàIl terreno in cui pubblicità e RP si trovano a collaborare più strettamente di quanto non facciano di solito a cause delle differenze sopra citate, è la comunicazione di marketing e in particolar modo del brand e dei valori connessi. Anche se dal punto di vista degli investimenti in comunicazione di marketing la pubblicità presenta percentuali maggiori, soprattutto per quanto riguarda la creazione della brand awareness, oggi la consapevolezza del ruolo e dell'importanza delle relazioni pubbliche è sempre più consistente specialmente per potenziare la brand credibility. Tutto ciò deve essere considerato in un contesto in cui il consumatore è divenuto sempre più consapevole e sul quale quindi l'effetto della pubblicità è di conseguenza decrescente.Per concludere il docente ha analizzato alcuni casi portandoli come esempio della forza e dell'importanza delle RP nella creazione  e nel mantenimento della reputazione dell'organizzazione.

COMMENTI

Eventi