Ferpi > News > L’industria dell’auto promuove il consumo responsabile

L’industria dell’auto promuove il consumo responsabile

12/09/2008

Esportata negli Usa la campagna della Comunità europea per diffondere tra gli automobilisti l’abitudine ad un uso eco-sostenibile dei mezzi privati.

Un motore efficiente, uno stile di guida pacato e un percorso stradale scelto con intelligenza. Basterebbero questi tre accorgimenti per abbattere le quantità di gas nocivi immesse nell’atmosfera dalle nostre automobili. A sostenerlo è Arnold Schwarzenegger, governatore della California e convinto testimonial della campagna di sensibilizzazione chiamata “EcoDriving”.


È stato proprio l’ex divo di Hollywood a importare questa iniziativa di comunicazione sociale dall’Europa. Essa, infatti, è stata concepita dalla Comunità europea – nell’ambito del programma Intelligent Energy – e realizzata nel 2006 e quest’anno nei Paesi dell’Unione che l’anno sottoscritta: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Grecia, Paesi Bassi, Spagna e Regno Unito.


L’obiettivo è quello di trasmettere ai consumatori – attraverso media, eventi mirati e social network – l’abitudine a un uso eco-responsabile dei mezzi di trasporto privati. Cercando di orientarli all’acquisto di un’automobile con carburanti e dotazioni rispettosi dell’ambiente. Ma anche di sensibilizzarli alla manutenzione costante dei veicoli, a tenere un corretto comportamento al volante, a scegliere un tragitto che consenta di impattare il meno possibile con l’ambiente circostante. Ed eventualmente, se conviene, a optare per i mezzi pubblici. I risultati di questa campagna saranno resi noti il prossimo 12 novembre a Praga durante l’Energy Efficiency Business Week.


Negli Usa, intanto, la proposta di Schwarzenegger è stata subito appoggiata dal governatore del Colorado Bill Ritter. Ma ciò che più conta è la sponsorizzazione ricevuta dalla Alliance of Automobile Manifacturers, l’associazione che in America riunisce marchi come BMW Group, Chrysler LLC, Ford Motor Company, General Motors, Mazda, Mercedes-Benz USA, Mitsubishi Motors, Porsche, Toyota e Volkswagen.


Grazie a internet, poi, l’iniziativa ha finito per assumere un carattere internazionale. Chiunque, collegandosi al sito, può ricevere, attraverso filmati e documenti, consigli su come avere cura del proprio automezzo o mantenere il giusto atteggiamento di guida. Disponibile on line anche l’EcoCalculator, lo strumento per misurare la quantità di CO2 prodotta da ognuno o a livello nazionale. “Se soltanto la metà degli automobilisti americani facesse tesoro dei suggerimenti di Ecodriving – spiegano sul sito – si potrebbero evitare circa 100 milioni di tonnellate di CO2 all’anno, l’equivalente del fabbisogno energetico di 8.5 milioni di famiglie”. Un messaggio chiaro che vuole far leva sulla rinnovata coscienza ambientale degli statunitensi.


Rosario Vizzini – Redazione Cultur-e

COMMENTI

Eventi