Ferpi > News > Master in Rp Ferpi-Assorel-Iulm: le ragioni di un successo

Master in Rp Ferpi-Assorel-Iulm: le ragioni di un successo

17/12/2010

In questi giorni, con il lancio della nuova edizione, comincia la promozione del Master in Rp d’impresa promosso da Ferpi e Assorel presso la Iulm. Un progetto formativo che continua a riscuotere consensi e che si propone come modello a livello nazionale. Ne abbiamo parlato con _Emanuele Invernizzi_ e _Stefania Romenti._

Quella del Master in Rp d’impresa attivato presso l’Università IULM di Milano e promosso da Ferpi e Assorel è una storia che comincia 8 anni fa sotto la presidenza di Toni Muzi Falconi per Ferpi e quella di Franco Guzzi per Assorel. In questi anni il Master è cresciuto, si è sviluppato fino a diventare un punto di riferimento nella formazione in Rp a livello nazionale. In occasione del lancio della nona edizione e forti dei consensi positivi che giungono innanzitutto dagli allievi che lo scelgono, quasi tutti professionisti, ma anche dai docenti e dai tanti stakeholder, abbiamo voluto ripercorrere con Emanuele Invernizzi e Stefania Romenti i motivi del successo di questo modello formativo. Capire e diffondere le ragioni per le quali un’esperienza formativa funziona è utile per tutti.
Quali sono le caratteristiche che creano quel passaparola positivo che attrae sempre numerosi candidati?
A questa domanda si può rispondere dicendo che i più soddisfatti del master sono quei partecipanti che hanno maggiore esperienza professionale alle loro spalle. Può sembrare strano, di solito sono i meno esperti i più entusiasti, eppure questo è il segnale che il modello di questo master è in grado di integrare, e di sviluppare, l’insieme delle competenze e delle componenti professionali e personali dei partecipanti.
E dunque in estrema sintesi quali sono i suoi punti di forza?
Potremmo dire che sono cinque: è un luogo di eccellenze consolidate, è un luogo di attivazione di relazioni, è un luogo di sviluppo delle competenze professionali e di evoluzione personale dei partecipanti, è un luogo di innovazione.
Va bene la sintesi, ma qualche precisazione in più?
E’ un luogo di eccellenza: della Faculty, docenti e testimoni di altissimo livello, che scegliamo che scegliamo per le loro esperienze professionali e le abilità formative; delle aziende partner, che andiamo a cercare noi scegliendo quelle in cui le esperienze di comunicazione sono all’avanguardia; dell’aula, nel senso che i partecipanti sono selezionati con estrema cura e in modo bilanciato.
E’ un luogo di relazioni, nel senso che si è creata una comunità dei partecipanti, attuali e degli anni precedenti, dove gli scambi sono frequenti e importanti. Le opportunità professionali sono molte per coloro che vogliono crescere professionalmente ma anche per chi vuole cambiare lavoro.
E’ un luogo di sviluppo professionale: per quanto un professionista sia bravo ha bisogno di rinforzare le sue basi concettuali attraverso un consolidamento teorico e metodologico. Inoltre ogni professionista, che di solito è specializzato in uno o pochi ambiti, ha sempre bisogno di sviluppare altre dimensioni specialistiche della sua professionalità.
E’ un luogo di sviluppo personale: tutta la parte introduttiva del Master è rivolta a sviluppare le competenze individuali di comunicazione interpersonale, di comunicazione scritta, in particolare sul web, e di public speaking di ciascun partecipante. Infine il Master è un luogo nel quale si impara a essere proattivi e a essere imprenditivi.
E’ un luogo di innovazione di contenuti e metodi formativi: le innovazioni sono a livello dei contenuti, dei metodi formativi e delle tecnologie impiegate. A titolo di esempio, la video brochure (guardare per credere!) che abbiamo creato quest’anno in sostituzione della tradizionale brochure cartacea.
Giancarlo Panico

COMMENTI

Eventi