Ferpi > News > Microsoft: bye bye Mr Reed

Microsoft: bye bye Mr Reed

06/06/2005

Microsoft si è allontanata da Ralph Reed, lobbista repubblicano a capo della Christian Coalition che ha fatto da consulente politico per la corporation.

Microsoft prende le distanze da Reed, consulente conservatore che da tempo contribuisce all'immagine dell'azienda in merito a molte questioni. Ralph Reed è noto come l'organizzatore della lobby biblica e da tempo è consulente per la società di Bill Gates, è stato presidente della Christian Coalition dal 1989 al 1997, ha organizzato la campagna di Bush e ora si dà alla candidatura politica in Georgia.Alla recente scelta dell'azienda di Redmond di cambiare riferimento sarebbero collegati altri comportamenti. Per esempio Microsoft d'ora in avanti garantirà il massimo sostegno allo Stato di Washington in ogni frangente legislativo teso a contrastare la discriminazione degli omosessuali.Le polemiche erano esplose dopo che alcune organizzazioni libertarie e i dipendenti dell'azienda lo avevano accusato di essere contro i gay per aver ceduto alle pressioni fatte da una chiesa evangelica e aver assunto una posizione neutrale (diversamente da Nike e Boeing) nei confronti della proposta di legge (mai approvata) che avrebbe cancellato le distinzioni tra persone etero e omosessuali nell'ambito delle attività lavorative.Il portavoce di Microsoft, Terzano, nega l'eventuale significato recondito dell'allontanamento.Ma ancora una volta le lobby collegate alle coalizioni cristiane si dimostrano un cruciale ago della bilancia nell'America di oggi e la posizione del colosso di Redmond si conferma trainante nell'esprimere orientamenti e nello spostare l'opinione pubblica.
Emanuela Di Pasqua - Totem

COMMENTI

Eventi