Ferpi > News > Milano, Expo 2015: una grande occasione per entrare in pista

Milano, Expo 2015: una grande occasione per entrare in pista

11/07/2008

Secondo un’indagine della Camera di commercio di Milano 3 imprese su 4 investiranno in nuovi dipendenti o collaboratori. Interessanti e destinate ai più ricchi di iniziativa e creativi le offerte di lavoro nel settore delle comunicazioni e per gli esperti di RP un’occasione da non perdere per trovare o migliorare il lavoro.

di Giuliana Gagliardi


Milano fa il bis, meglio: il tris. Dopo le Expo universali del 1881 e 1906, i riflettori si accenderanno nuovamente nel 2015 quando, per sei mesi, la città si trasformerà in una gigantesca vetrina sul mondo con un’altra rassegna internazionale. Le opportunità per le imprese si trasformeranno anche in nuove opportunità occupazionali? Carlo Sangalli, presidente della Camera di commercio di Milano, rende note alcune serie di cifre — frutto di un’indagine commissionata a Iri-InfoScan — in cui si legge che un’impresa milanese su tre prevede di assumere a tempo indeterminato (circa il 36,4%); il 50% darà lavoro a tre nuovi assunti e una su cinque assumerà da cinque a dieci persone.


Le imprese coinvolte negli investimenti da destinare a nuove assunzioni o collaborazioni saranno circa il 77%. Vittorio Villa, managing director di Robert Half International in Italia, è ottimista per gli esperti in project financing, e afferma: «Buone anche le prospettive occupazionali che Expo 2015 offre nel campo Business process engineering».


La parte del leone è comunque legata al settore immobiliare e ai servizi correlati: finanziario e bancario. Pirelli Re incentiva l’occupazione con l’avvio dei lavori per Headquarter3M Italia Spa, un esempio di Ecobuilding localizzato all’in- temo del Malaspina Business Park. Il progetto favorirà il posizionamento di 600 postazioni di lavoro. Opportunità occupazionali sono previste anche per lo Studio Associato Ingegneria – Architettura – Urbanistica di Alberto Mazzucchelli, che dice: «Stiamo mettendo a punto servizi e supporti informatici per promuovere nuove iniziative sul territorio. Se troveremo un’adeguata risposta da parte dell’Ente pubblico e dai privati, è nostra intenzione ampliare l’organico». E Capital House ricerca personale da destinare alle diverse aree geografiche in qualità di esperti di intermediazione immobiliare e consulenti. Da 30 i punti vendita saliranno a 1000, mirando la modernizzazione dei servizi a nuovi progetti dell’Expo.


Inoltre, il progetto Barclays Premier (Barclays Bank) prevede la creazione di un team di gestori del settore finanziari (per offrire servizi al passo con la dinamica dei mercati. All’interno del progetto, ci sono anche i Latitude Club, spazi destinati agli imprenditori che vogliono incontrarsi e confrontar si con altri imprenditori provenienti da diversi Paesi. L’occasione per collaudare questa nuova realtà? L’Expo 2015.


Per Francesco Marchitti di Elea, società che si occupa d consulenze e formazione per l imprese, «Expo 2015 darà impulso alla figura dell’informati CO legato a progetti per l’ambiente». Ok alle assunzioni per la catena alberghiera Atahotels che, grazie a Expo 2015, prevede un incremento occupazionale di 160 persone circa. «Quest’anno — dice Dennis Zambon, consigliere di gestione di Atahotels Spa — apriremo due nuove strutture a Pero e a Varese: Atahotel Expo Fiera e Atahotel Varese Business Resort, per un totale di 680 camere».


Interessanti e destinate ai più ricchi di iniziativa e creativi, le offerte di lavoro nel settore delle comunicazioni. 3 Italia prevede la creazione, insieme alla web TVC6 di Milano, di una rete di reporter capaci di raccontare le realtà locali.
Buone opportunità anche all’interno di aziende che dialogano con i mercati attraverso gli strumenti della comunicazione più avanzata. Realtà in grado di mettere a disposizione di Expo 2015 servizi per la gestione veloce e sempre più aggiornata dl milioni di informazioni ogni giorno.


L’Expo prevede anche 7000 eventi correlati, di cui la maggior parte si svolgerà nei sei mesi di esibizione. Gli esperti di Pubbliche relazioni trovano così un’occasione da non perdere per trovare o migliorare il lavoro.


«Gli incarichi per organizzare un numero così elevato di eventi saranno davvero molti», afferma Daniela Canegallo, amministratore delegato di MS&L Italia. Le agenzie, infatti, prevedono un aumento dell’organico già molto prima dell’appuntamento del 2015 e «durante il picco dei mesi di fiera, un’integrazione di figure specializzate nella perfetta conoscenza dell’inglese e di altre lingue, e soprattutto nella conoscenza dei digital media, poiché la gestione degli uffici stampa sarà affidata in larga misura al web».


tratto da Il Corriere della Sera 11 luglio 2008

COMMENTI

Eventi