/media/post/3958uv5/intelligenza-artificiale-1.jpg
Ferpi > News > TRUE®: l’intelligenza artificiale approda all’industry delle Rp

TRUE®: l’intelligenza artificiale approda all’industry delle Rp

07/09/2020

Redazione

Si chiama TRUE® il sistema innovativo di analisi semantica e misurazione della reputazione ideato da SEC Newgate che utilizza l'intelligenza artificiale per leggere in profondità l'evoluzione della percezione di un'organizzazione, di un brand, di un prodotto o servizio o di una persona, presso i suoi diversi interlocutori. Ne abbiamo parlato con Erika Elia, Sec Newgate - Project leader TRUE®.

Cos'è TRUE e cosa offre?

TRUE® è il sistema innovativo di analisi semantica e misurazione della reputazione ideato da SEC Newgate che utilizza l'intelligenza artificiale per leggere in profondità l'evoluzione della percezione di un'organizzazione, di un brand di prodotto o servizio o di una persona, presso i suoi diversi interlocutori.

TRUE® è in grado di analizzare in tempo reale tutte le fonti pubbliche (stampa scritta, radio e televisione, web, social), di individuare in essi giudizi, comportamenti ed emozioni, e lo fa rispetto a cinque dimensioni caratteristiche di ogni organizzazione: products & services, innovation, performance, governance, citizenship, rispetto alle specifiche istanze (che vengono “customizzate” per ogni company e ai diversi stakeholder. 

Gli algoritmi sviluppati calcolano e sintetizzano due indici reputazionali: il primo espresso numericamente (da 1 a 100) e relativo alle informazioni cognitivo-comportamentali rilevate e il secondo relativo alle emozioni tracciate rappresentato attraverso una scala cromatica (da rosso a verde).
 
Una serie di grafici dinamici, bubble graph e infografiche consentono infine di rappresentare e analizzare gli indici reputazionali e i contenuti che True ha analizzato. Numerose funzionalità di ricerca consentono inoltre di effettuare operazioni di analisi e di intelligence.

Tra gli asset intangibili di una marca come si posiziona la reputazione?

Henry Ford diceva che le due cose più importanti di un’azienda non si vedono nei suoi bilanci: le persone e la reputazione. La reputazione è ormai un asset fondamentale per un’azienda, che deve essere costruito, incrementato, protetto e misurato. TRUE® si propone, infatti, di rendere la reputazione tangibile, osservabile e misurabile. Lo fa in tempo reale ed essendo in grado di ricondurre in qualsiasi momento l’indice di reputazione prodotto a quei giudizi ed emozioni che lo hanno generato.

Quale valore oggi ha la tecnica di misurazione per la credibilità del ranking della reputazione?

TRUE® è in grado di intercettare giudizi, opinioni e azioni con un’alta precisione: le regole semantiche dell’intelligenza artificiale di TRUE® riescono a intercettare e interpretare ciò che realmente è presente nei contenuti e relativo a un brand/organizzazione.
Il modello sviluppato con TRUE® misura e rappresenta la reputazione secondo principi rigorosi e oggettivi, che fanno riferimento alla letteratura scientifica ma anche alle caratteristiche concrete e specifiche delle aziende.

Quale peso ha oggi l’AI tra gli strumenti a supporto della comunicazione?

L’Intelligenza Artificiale ci viene in aiuto in due ambiti principali. Da una parte consente di svolgere attività molto time consuming in poco tempo, consentendo così agli specialisti della comunicazione di avere più tempo a disposizione per il pensiero e la strategia (la nostra piattaforma legge 36.000 documenti al giorno per brand). Dall’altra consente di intercettare fenomeni, tendenze, accadimenti sia a livello marco ma anche micro: True infatti ci permette non solo di intercettare e comprendere fenomeni di grande portata, ma di intercettare anche i cosiddetti segnali deboli che, con le sole “capacità umane” non saremmo in grado di individuare. Vale la pena osservare che TRUE® è il primo di una serie di “tool” che proporremo al mercato basati sull’IA; su un paio d’altri stiamo già lavorando e crediamo che siano diverse le possibilità di sviluppo. Tutto ciò è destinato a cambiare profondamente il nostro lavoro di comunicatori e relatori pubblici.

COMMENTI

Eventi