Ferpi > News > Addio report sulla CSR

Addio report sulla CSR

08/06/2010

Dall'ultima Conferenza Globale sulla sostenibilità e trasparenza che si è tenuta nei giorni scorsi ad Amsterdam, Global Reporting Initiative, l’autorità mondiale in materia di report di sostenibilità, lancia una sfida: adottare entro il 2015 il modello del report integrato.

“Basta con i report sulla CSR” …
Non è proprio quello che ci si aspetta di sentire da un partecipante ad un panel della conferenza biennale della Global Reporting Initiative (GRI), l’autorità mondiale in materia di report di sostenibilità.
Eppure l’osservazione, fatta da Oliver Greenfield del World Wildlife Fund inglese – che, tra l’altro, non legge mai i rapporti sulla CSR – è stata sorprendentemente in linea con quanto la stessa GRI propone.
Ora si può pensare – il GRI ha passato anni a lavorare con gli stakeholder di tutto il mondo per produrre lunghe e dettagliate linee guida dettagliate su come produrre un report CSR. Le organizzazioni non possono essere sul punto di affondare?
Tranquilli. La chiave è il report integrato. Tutto in un unico report. Descrivere le performance ambientali, sociali, finanziarie e la governance della propria azienda in un unico documento. Questa è la tendenza e produce abbastanza lavoro per la vita di tutti noi …
Alla Conferenza Globale sulla sostenibilità e trasparenza di Amsterdam, che si è svolta nei Paesi Bassi dal 26 al 28 maggio, Ernst Ligteringen, CEO della GRI, ha presentato ai delegati due affermazioni chiare e una domanda:
1. Entro il 2015 dovrebbe essere obbligatorio per tutte le grandi e medie imprese segnalare il proprio materiale ambientale, sociale e di governance o spiegare perché non lo fanno.
2. Un report integrato standard dovrebbe essere sviluppato, testato e comunemente adottato entro il 2020.
3. La GRI dovrebbe cominciare ad aggiornare le linee guida G3 (lo standard attuale sul report di sostenibilità) e lavorare per una versione G4 in preparazione di una norma internazionale di riferimento integrato?
Più di 1.200 delegati provenienti da 77 paesi hanno partecipato alla conferenza, il cui tema era Ripensare, Ricostruire, Riportare. La GRI firmato una serie di accordi per lavorare più a stretto contatto con il Global Compact e con l’Earth Charter. Ha inoltre rilasciato nuove linee guida per il reporting nei settori agroalimentari e delle ONG. Tutti i premi del GRI Choice Awards 2010 per i report di sostenibilità sono stati vinti da società brasiliane, ed il premio globale è andato al Banco do Brasil.
Per tre altre prospettive sulla conferenza, vedere questi link: Marcy Murninghan su Corp.Gov.net, Elaine Cohen su CSR-reporting e Fabian Pattberg su FabianPattberg.com.
Tratto da Srlink

COMMENTI

Eventi