/media/post/z3lhfrf/Anne-Gregory-2013-final-743x512.jpg
Ferpi > News > Gregory: è tutta una questione di standard professionali

Gregory: è tutta una questione di standard professionali

05/06/2015

Anne Gregory

Qualifiche professionali, etica, grandi eventi: tutto è una questione di standard. Sarà il tema di cui si parlerà a Milano il prossimo 25 e 26 giugno, durante l’Annual General Meeting di Global Alliance, come anticipato dal Presidente, Anne Gregory.

In vista dell’Annual Global meeting di Global Alliance che si terrà il 25 e 26 giugno a Milano ho letto l'ordine del giorno  e mi ha colpito quanto riguardi gli standard.

Si parlerà delle possibili qualifiche professionali riconosciute e accreditate a livello mondiale. Nel dibattito verranno presentati i risultati di un meticoloso lavoro di analisi di trenta quadri teorici già esistenti. I leader delle associazioni di tutto il mondo decideranno ciò che è necessario per il futuro e se uno standard globale comune può far crescere la professione.

Le potenziali implicazioni di queste decisioni sono profonde. Un simile standard potrebbe mettere la nostra professione al pari di altre professioni, come i commercialisti. Le pratiche contabili ed amministrative sono state standardizzate in modo che vi sia un livello riconosciuto che rappresenti un modello di buona pratica, consenta la comprensione e la trasferibilità globale. Sarebbe un passo importante per la nostra professione, fissare uno standard per i programmi di sviluppo professionale e fornire a datori di lavoro e manager una dichiarazione completa su ciò che i professionisti devono fare e sapere e su come devono comportarsi.

Un simile standard potrebbe anche contribuire a liberare la nostra professione dal dilettantismo che risulta evidente nella maggior parte dei sondaggi dove ci sono rivendicazioni di un ruolo strategico ma la descrizione delle attività è invariabilmente tattica. La nostra descrizione di noi stessi in queste ricerche troppo spesso racconta la storia della nostra professione: basse aspirazioni e incapacità di rendere il nostro ruolo determinante. Un nuovo standard in grado di descrive la professionalità potrebbe aiutare a modificare questa situazione.

Un altro tema all'Ordine del Giorno è l'etica. Abbiamo bisogno di un nuovo Codice Etico? Il mondo è cambiato da quanto è stato scritto, oltre 10 anni fa, quando l'attenzione era tutta sulle relazioni pubbliche intese come al servizio delle organizzazioni e dei clienti. Riconsiderare le finalità delle relazioni pubbliche come utili alla costruzione delle comunità di cui le organizzazioni fanno parte ci costringe a ripensare ai codici etici ed alle tipologie di esempi che dobbiamo fornire per portare nel mondo reale le Rp.

Un terzo punto all'ordine del giorno è la natura delle grandi conferenze. La professione cambia, anche il contenuto e il format delle conferenze ha anche bisogno di cambiare. Dobbiamo abbracciare una più ampia gamma di argomenti, non solo quelli relativi alle relazioni pubbliche. Se la professione sviluppa le molte e diverse questioni che la società affronta  ci deve essere un nuovo modo di guardare a ciò che abbiamo bisogno di sapere, capire e di cui preoccuparci. Anche questo riguarda gli standard.

Due dei quattro scopi di Global Alliance sono:  elevare gli standard professionali in tutto il mondo e  condividere le conoscenze per il bene dei nostri membri. Perseguire questi due obiettivi, agendo sulle aree qui discusse, sarà anche un modo per realizzare altri due obiettivi di GA: unificare la professione ed essere la voce globale delle relazioni pubbliche.

 

Fonte: Global Alliance

 

COMMENTI

Eventi