Ferpi > News > Internet e reputazione

Internet e reputazione

05/08/2008

Una conseguenza della libertà di espressione in Rete è la sempre maggiore importanza della reputazione, individuale, societaria, politica. La interessante riflessione in proposito di Gianroberto Casaleggio.

Quando un’immagine o un’opinione sono inserite nella Rete si diffondono immediatamente ed è impossibile distruggerle. La diffusione senza limiti dei contenuti in Rete ha molte implicazioni, soprattutto politiche, come sanno bene i movimenti terroristici. Il dibattito su chi deve esercitare il controllo e cosa deve essere soggetto alla censura è in corso da tempo, per ora senza reali soluzioni, anche se non è detto che il controllo sull’informazione sia un valore in sé.


Una conseguenza della libertà di espressione in Rete è la sempre maggiore importanza della reputazione, individuale, societaria, politica. La reputazione è implicita nel concetto di comunità: chi fa parte di una comunità aiuta gli altri membri ed è trasparente con loro, chi si sottrae a questo obbligo viene espulso o emarginato. La Rete crea di continuo comunità che si aggregano sui temi più svariati e, tra questi, anche sulla valutazione di un servizio o di un prodotto proposti da un’azienda. La reputazione è il punto di convergenza tra la tecnologia e la creazione di comunità ed un fattore economico potenziato dall’on line. Le applicazioni di rete devono tenerne conto in quanto la reputazione on line è volatile e messa di continuo in discussione dai clienti e dai navigatori. I “reputation system” sono sistemi, integrati con applicazioni software esistenti, di gestione della reputazione on line. Un reputation system ha tre proprietà fondamentali: l’identità del compratore e del venditore durano nel tempo (anche sotto pseudonimo), la relazione instaurata è visibile da tutti nel tempo, la reputazione di ognuno è misurata, classificata e resa di pubblico dominio. Alcuni esempi di reputation system sono Epinions che propone critiche (valutate dai lettori) a pagamento su film, compagnie aeree, alberghi, ecc., e Amazon che pubblica i giudizi sui libri in vendita.


tratto dal blog di Casaleggio&Associati www.casaleggio.it

COMMENTI

Eventi