/media/post/v3cvqzc/PRV_05_cover.png
Ferpi > News > La città immateriale

La città immateriale

19/10/2021

Redazione

Non esiste una contrapposizione tra città materiale e immateriale poiché ciascuna ha bisogno dell’altra per esistere. La città, oltre al costruito, è sempre stata cultura e informazione. Questo volume rivisita il rapporto tra materiale e virtuale alla luce delle nuove tecnologie riportando considerazioni teoriche ed esperienze sul campo.

Un tempo la ricchezza delle città era espressa soprattutto dagli edifici, dai monumenti e dalle infrastrutture a cui si aggiungevano un buon governo, l’organizzazione e cittadini cooperativi. Anche la produzione di informazioni è sempre stata una caratteristica della città nel corso dei secoli. Nella “città immateriale”, conoscenze e informazioni diventano ancora più preziose e specifiche di un ambiente urbano che da una parte si estende, come mai prima, in un immenso spazio virtuale dall’altra riscopre quella dimensione di vicinato che la città moderna aveva cancellato quasi ovunque. Succede così che l’economia della conoscenza si fonda con le pietre e i manufatti aumentandone il valore e contribuendo a creare contesti territoriali originali, mai visti prima.

La pandemia ha reso ancor più evidente l’importanza della dimensione immateriale delle città. Nonostante le limitazioni agli spostamenti fisici, una società civile resiliente ha saputo salvaguardare, grazie alle tecniche disponibili, quei collegamenti fra cittadini che ne costituiscono la vera essenza e la base per il continuo progresso. Per rendere operativa questa nuova forma di conoscenza diffusa e disponibile sono necessarie le tecniche e i progetti presentati in questo volume assieme alle teorie urbane che li ispirano.

I contributi raccolti in questo volume sono stati scritti da studiosi e operatori provenienti da diverse discipline e professioni con il risultato di offrire sia un quadro critico sia riferimenti utili ad elaborare nuovi progetti in sintonia con le strategie che le Istituzioni europee consentiranno di finanziare e realizzare. L’attenzione, perciò, non si è limitata alle sole tecniche e analisi urbanistiche ma anche alla legislazione e alle fonti di finanziamento.




La città immateriale
a cura di Corrado Poli
Anteferma Edizioni, 2021
pp. 104, € 12,00

 

COMMENTI

Eventi